Menu

Tipografia

Vi riferiamo di un convegno che si è tenuto qualche giorno fa all'Auditorium MotorOasi di Susa, nel torinese. Il titolo: "Guid'Abile" - sicurezza, prevenzione, moduli informativi e problematiche del disabile al volante.
Buona la partecipazione anche se non come era auspicabile, visto che erano totalmente assenti le associazioni di categoria.
MotorOasi ha al proprio interno una pista all'avanguardia, in grado di permettere ad autoveicoli di simulare situazioni di aquaplaning (quando le ruote non toccano più l'asfalto a causa della grande quantità d'acqua, ndr), sottosterzi (quando il veicolo tende a chiudere la curva, ndr), sovrasterzi, (quando il veicolo tende ad allargarla, ndr),  prove di frenata sul bagnato o sull'asciutto con e senza Abs (sistema anti bloccaggio delle ruote), per poter intuire quanto sia importante questo strumento in caso di necessità.
Praticamente tutto quanto può servire per guidare in sicurezza anche nei casi limite, più frequenti di quanto non si creda.
E, proprio mentre si svolgeva il convegno, in pista una decina di auto della polizia municipale provavano le varie situazioni sopra elencate, per permettere agli agenti di operare sempre al massimo delle loro possibilità.

Il senatore Claudio Bonansea, che ha promosso la giornata: "Credo sia indispensabile riconoscere anche ai guidatori disabili le stesse opportunità, ed è per questo che ritengo utile aprire i corsi di guida sicura, anche a queste categorie.
Dopo tutto, le problematiche al volante sono le stesse.
Inoltre, ritengo saggia cosa le campagne di sensibilizzazione dei giovani sulla sicurezza stradale, da tenere insieme a qualche pilota disabile: avremmo così un duplice vantaggio, integrazione e informazione
".

Spiega il responsabile territoriale del Centro Crocetta Vigili Città di Torino, Leonardo Di Giovanni: "Il 60% delle contravvenzioni elevate nella zona di Torino riguardano la falsificazione del tagliando parcheggio disabili: è evidente che per gli aventi diritto sarà sempre molto raro trovare le aree apposite libere.
E' stato disposto, per tutti i vigili operanti nel territorio, di porre particolare attenzione e disponibilità nei confronti di queste categorie.
Si è scelto di dedicare un carro attrezzi appositamente a disposizione per la rimozione. Sempre, per ogni turno, solo per lo sgombero delle vetture parcheggiate abusivamente nei posti riservati ai disabili
".

Per il responsabile Piattaforma Autonomy Fiat Centri Mobilità Fiat Auto, Sergio Leonti: "La Fiat è oramai impegnata, da molti anni, per la mobilità e la guida delle persone disabili.
Ha un  settore dedicato esclusivamente a questo tipo di clientela: tali concessionari vengono denominati Autonomy.
Inoltre, grazie ai Centri di mobilità, è possibile utilizzare un simulatore di guida, per testare la capacità o meno di guida, oltre alla possibilità di utilizzare delle vetture multi-adattate  per prove pratiche o scuola guida.
La linea Fiat, Lancia e AlfaRomeo avrà ora moltissimi autoveicoli muniti di cambio automatico anche sulle cilindrate più piccole. Particolarmente  utile, per questa clientela. L'impegno per soddisfare le particolare esigenze di abitabilità sarà, inoltre, ancor più potenziato
".

Il Vice Presidente Nazionale dell'Anglat (Associazione Nazionale Guida Legislazione Andicappati Trasporti), Valter Nicoletti, ha spiegato che: "La mobilità è indispensabile. Andare a scuola, al lavoro, a teatro, dovunque, comporta sempre degli spostamenti e quindi problemi di mobilità.
Se i disabili vogliono tornare ad avere una vita di relazione, devono potersi muovere autonomamente.
Se pensiamo che normalmente i mezzi di trasporto pubblico non sono fruibili a queste persone, è evidente che l'auto diventa indispensabile.
La nostra Associazione si sta battendo perché, anche alle persone con patologie particolarmente invalidanti, come la tetraplegia o la focomelia, sia permesso di conseguire la patente.
Tutto ciò oggi è possibile grazie ai grandissimi passi in avanti della tecnologia, che permette di sopperire al deficit motorio. Sempre comunque, in totale sicurezza, per sè e per gli altri utenti della strada
".

Chi volesse avere maggiori informazioni per i corsi, lo può fare telefonando al num.012 232752, chiedendo del direttore Giacomo Volpe.
E-mail consepi@tiscalinet.it