Menu

Tipografia

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE 2005-2006
Logo Influenza 2005

PRECAUZIONI NELL'ASSUNZIONE DEL VACCINO

La vaccinazione deve essere rinviata se si ha la febbre.
Inoltre, chi sta facendo trattamenti con farmaci che distruggono le difese immunitarie (immunosoppressori) può rispondere in maniera non ottimale alla vaccinazione; è consigliabile in questo caso assumere il vaccino almeno un mese dopo l'interruzione del trattamento.
Nessuna controindicazione per chi è in cura con cortisoni a basso dosaggio per uso locale o per uso sistemico.
Nelle persone con malattie autoimmuni, infine, il vaccino antinfluenzale va somministrato solo dopo un'attenta valutazione del rapporto rischio-beneficio.

Rischi nella somministrazione contemporanea di più vaccini
I bambini ad alto rischio di complicazioni per influenza possono ricevere il vaccino antinfluenzale insieme con altri vaccini obbligatori e raccomandati, in parti del corpo e con siringhe diverse.
Negli adulti ad alto rischio di complicazioni e negli anziani, il vaccino antinfluenzale può essere fatto contemporaneamente ad altre vaccinazioni.


Reazioni indesiderate
Molte infezioni respiratorie e sintomi di tipo influenzali possono essere provocate da diversi agenti batterici e virali, verso i quali il vaccino antinfluenzale non ha alcuna efficacia.
I vaccini contengono solo virus inattivati o parti di questi, quindi non possono essere responsabili di infezioni.
Gli effetti collaterali riferiti più di frequente sopo la somministrazione del vaccino consistono in reazioni locali (dolore, eritema...).
Altre reazioni accusate da persone mai vaccinate prima consistono in malessere generale, febbre, mialgie, della durata di 1,2 giorni. Segnalate anche reazioni allergiche del tipo ipersensibilità immediata soprattutto in quelle persone ipersensibili alle proteine dell'uovo o ad altri componenti del vaccino.

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->