Menu

Tipografia

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE 2005-2006
Logo Influenza 2005

COM'E' ANDATA L'ANNO SCORSO

Nell'ottobre 2004 l'influenza è stata segnalata per la prima volta in Nord America, e si è estesa progressivamente nei Paesi dell'emisfero nord. Fra ottobre 2004 e gennaio 2005 è stata segnalata in Africa, in Asia, in Europa e in Oceania.

Nella maggior parte dei paesi l'attività influenzale è stata piuttosto moderata. A partire dalla fine di dicembre, il numero di casi di influenza è iniziato ad aumentare prima nei Paesi dell'Europa centrale (dove il picco è stato raggiunto a fine gennaio), poi nei Paesi dell'Europa nord-orientale, dove il picco è stato raggiunto a fine febbraio.

In Italia le rilevazioni vengono fatte ogni anno dal sistema di sorveglianza epidemiologica -INFLUNET-, costituito da una rete di medici sentinella con popolazioni di assistiti rappresentative di tutto il territorio nazionale. Questa sorveglianza si basa sulle rilevazioni e le segnalazioni di Influenza Like Sindrome (ILI), a partire dalla fine di ottobre fino all'ultima settimana di aprile dell'anno successivo.

Con "Caso ILI" si intende un'affezione respiratoria acuta ad esordio brusco ed improvviso con febbre >38°C, accompagnata da cefalea o malessere o sensazione di febbre, e da un sintomo respiratorio.
Nella scorsa stagione l'andamento della ILI è risultato, complessivamente, al di sopra dell'atteso, raggiungendo la massima circolazione virale nei mesi di gennaio e febbraio. Rispetto agli anni precedenti, il picco dell'epidemia è stato più tardivo (fine gennaio), la fase di picco è stata più breve e si è registrato una più rapida decrescita di attività .

Fasce di età più colpite: i piccoli (0-4 anni) sono stati i più colpiti dalla malattia; l'incidenza più bassa si è registrata per la classe degli over 65.

Distribuzione geografica: i primi virus influenzali sono stati identificati nella seconda metà di novembre a Genova. Nello stesso periodo in Piemonte è stato individuato il primo virus influenzale di tipo B; nelle settimane successive i casi sono stati sporadici, mentre l'aumento si è registrato a partire dalla seconda settimana di gennaio.