Menu

Tipografia

INFARTO

cuore

L'infarto miocardico è costituito dalla morte o necrosi di una zona di miocardio una parte importante del cuore, dovuta all'improvvisa occlusione di uno o più rami delle arterie coronarie.
L'occlusione del vaso, solitamente causata da trombosi, ha come base l’aterosclerosi coronarica di cui l'infarto è la complicanza maggiore e più grave.
Questa condizione morbosa, contro la quale la scienza medica lotta ogni giorno di, più, rappresenta oggi la più frequente fra le cause di morte ed è in costante aumento.
Negli Stati Uniti, ad esempio, la mortalità per infarto è cresciuta a dismisura.
Questo enorme incremento, dovuto in parte all'aumento della vita media, corrisponde anche a un incremento reale; ciò è particolarmente valido per le nazioni altamente industrializzate rispetto ai paesi economicamente arretrati e per la città rispetto alla campagna.
L'infarto miocardico è, nel 98 per cento dei casi, conseguenza dell'aterosclerosi coronarica; altre cause eccezionali possono essere embolie, anomalie congenite, ecc.
E più frequente nell'uomo che nella donna, almeno sino ai 40 anni, ed è strettamente legato a condizioni di surmenage psicofisico, abuso di tabacco, ipercolesterolemia, obesità, vita sedentaria.
A questi elementi, che possono essere considerati predisponenti, vanno aggiunte alcune situazioni che talora possono risultare scatenanti quali sforzi, emozioni, interventi chirurgici e gravi emorragie.

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->