Menu

Tipografia

SPECIALE INFLUENZA AVIARIA:
Pollo sì, pollo no
disabili.com: logo speciale influenza aviaria

La domanda ce la siamo posta tutti: è rischioso mangiare pollame o altro genere di uccelli?
La risposta è decisamente no. Non c'è nessuna evidenza scientifica che consumare carne di pollo cucinata possa costituire un veicolo di trasmissione. I virus temuti sono quelli che si trasmettono per via respiratoria.

Usualmente del resto i virus dell’influenza aviaria non infettano gli uomini; tuttavia, sono state riportate segnalazioni di infezioni umane. L'uomo può infettarsi con il virus dell'influenza aviaria a seguito di contatti diretti con animali infetti (vivi o morti) e/o loro escrezioni (feci, urine, saliva e secrezioni respiratorie), mentre non c'è alcuna evidenza scientifica di trasmissione attraverso il consumo di carni avicole o uova dopo accurata cottura (70°C).

L'influenza aviaria e gli allarmismi che ha suscitato tra i consumatori hanno causato, negli ultimi due mesi (agosto e settembre), un crollo medio delle vendite del 20,5%, con punte in alcune zone fino al 40%. Non altrettanto le uova, per le quali si segna un aumento (+5,8%).

L'entrata in vigore del provvedimento che prevede l'obbligo di indicare l'origine della carne in etichetta potrà garantire i cittadini sulla salubrità delle produzioni e rappresentare un elemento fondamentale per rilanciare i consumi.
L'etichetta dovrebbe contribuire a tranquillizzare le persone fornendo ogni informazione e trasparenza sul prodotto. Quindi una chiara rintracciabilità. La Cia (Confederazione italiana agricoltori) conclude ribadendo che, davanti a una pesante crisi di mercato, "è necessario attivare gli interventi indispensabili per fronteggiare la preoccupante situazione e sanare i danni rilevanti che in queste ultime settimane hanno subito gli allevatori italiani".

Torna all'indice dello Speciale Influenza Aviaria

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->