Menu

Tipografia
LINEE GUIDA CURE PALLIATIVE e TERAPIA DEL DOLORE
A cura di Alessandra Babetto

linee guida medicina

RETE DI CURE PALLIATIVE

L'emanazione della legge n. 39/99 è stato il primo atto istituzionale riguardante lo sviluppo delle cure palliative; in particolare la legge metteva a disposizione delle regioni un finanziamento pari a circa 200 milioni di euro per la creazione di strutture residenziali di cure palliative (hospice). La volontà del legislatore era ben interpretata nel decreto attuativo dove, oltre a ripartire il finanziamento tra le regioni in base ai tassi regionali di mortalità per neoplasie, veniva richiesto alle regioni di presentare al Ministero della salute un progetto per la definizione della rete regionale di cure palliative.

Si sono così sviluppati modelli regionali differenziati nei quali c'è la totale condivisione sul dover assicurare la continuità assistenziale in ogni fase della malattia e garantendo l'assistenza domiciliare.

Essendo stato già definito il concetto di rete assistenziale di cure palliative già nell'Allegato 1 del decreto del Ministero della sanità del 28 settembre del 1999 quello che mancava era l'ideazione una struttura regionale di riferimento che garantisse lo sviluppo della rete secondo i dettami del citato decreto.

È dunque indispensabile, per il reale sviluppo delle cure palliative, l'istituzione, con appositi provvedimenti regionali e aziendali, di una struttura specificamente dedicata di coordinamento della rete.

Le strutture attivate nei due livelli istituzionali saranno:

STRUTTURE REGIONALI

STRUTTURE AZIENDALI