Menu

Tipografia


CCSVI E SCLEROSI MULTIPLA
a cura di Ilaria Vacca

ccsvi

DOVE SI CURA?



In Italia, nonostante la UIP (Unione Internazionale di Flebologia) abbia avallato diagnosi è trattamento, la CCSVI non è riconosciuta come patologia a se stante all'interno dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA).

Attualmente è possibile essere sottoposti a diagnosi non invasiva solo all’interno di attività sperimentali (anche presso l’Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara). Non servono impegnative del Medico di base e non sono previste liste d’attesa.

Sono 19 i Centri italiani che hanno richiesto di partecipare allo studio Brave Dreams, nome dello studio per la sperimentazione dell'angioplastica nei pazienti con CCSVI e Sclerosi Multipla. Sarà poi una commissione a valutare le credenziali di questi Centri, la quale successivamente informerà il pubblico dell'operatività dei centri stessi.
Lo studio Brave Dreams (BRAin VEnous DRainage Exploited Against Multiple Sclerosis) prevede primariamente la formazione di medici e tecnici.

Sono infatti  stati istituiti corsi di formazione (accreditati ECM) di 3 giorni sulla diagnostica non invasiva della CCSVI.
Per informazioni i medici e i tecnici possono rivolgersi a Maria Chiara Rippa info@mcrferrara.org.

È stato inoltre istituito un Master Internazionale di II livello in Emodinamica e Chirurgia Venosa Avanzata, riservato ai medici ed indirizzato preminentemente a chirurghi e radiologi interventisti.

L'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara ha istituito un punto d'ascolto dedicato ai pazienti che desiderano sottoporsi alla diagnosi di Ccsvi, presso il Centro Malattie Vascolari.
Il servizio risponde al numero 0532 236524, nelle seguenti fasce orarie

Martedì dalle 11 alle 13
Mercoledì dalle 15 alle 17
Giovedì dalle 12.30 alle 14.30
Venerdì dalle 10.30 alle 11.30


Fonte delle info: Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

ATTENZIONE: Le informazioni riportate su questa pagina sono aggiornate al 2011, potrebbero pertanto non essere complete.

Torna alla HOME dello Speciale CCSVI e SCLEROSI MULTIPLA