Menu

Tipografia

medico di spalle con in mano stetoscopioSi tratta di una importantissimo provvedimento, che ridà speranza ai molti in attesa di trapianto 

E' diventata Legge dello stato italiano quella che fino a qualche giorno fa era  la proposta di legge n. 3291, che prevede la possibilità della donazione di parti di organi (polmone, intestino e pancreas) tra persone vive. Grazie al via libera definitivo del Senato, dopo il sì della Camera la scorsa primavera, la proposta è dunque diventata legge a  tempo di record, grazie alla larghissima maggioranza e al trasversale appoggio da parte del mondo politico, avvallato anche dalla comunità scientifica.

Ma in concreto, cosa comporta questa legge? La novità consiste nel fatto che i malati in attesa di trapianto potranno ricevere  polmoni, pancreas o intestino anche da un vivente compatibile, senza dover attendere esclusivamente l'organo da donatore deceduto. La legge prevede quindi che si potrà donare da vivi  (e ovviamente gratuitamente) una parte di questi organi, affinchè vengano trapiantati su persone affette da malattie che ne richiedono il trapianto.

Prima di questo allargamento, la possibilità di trapianti tra viventi era consentita solo in casi molto ridotti, come ad esempio per rene o fegato. E' dunque a questa normativa (leggi 458/67 e 483/99) che si rifà anche questa legge. La legge prevede, tra le altre cose, di dover essere maggiorenni, in grado di intendere e di volere, e consapevoli dei limiti della terapia e delle possibili conseguenze sulla sua stessa salute. Chi decidesse di donare parte di un organo avrà il diritto di cambiare idea e quindi recedere dalla sua decisione fino all'ultimo momento, ovvero fino all'intervento chirurgico di prelievo.

E' evidente, quindi, come questa legge rappresenti una vera e propria boccata d'ossigeno per le persone in attesa di trapianto per poter sopravvivere, che avranno così molte più probabilità di ricevere un organo compatibile e porre in questo modo fine alle loro attese.  Tra l'altro l'Italia conferma la sua natura di nazione generosa, registrando negli ultimi anni una crescita di trapianti, collocando il nostro paese al terzo posto tra i grandi paesi europei.

IN DISABILI.COM:

LA COMMISSIONE AFFARI SOCIALI DELLA CAMERA DA' L'OK AI TRAPIANTI D'ORGANI TRA VIVENTI

TRAPIANTI D'ORGANO: IL DONATORE LO SCRIVE SULLA CARTA D'IDENTITA'

Redazione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->