Menu

Tipografia

ccsviA maggio l’inizio delle selezioni dei pazienti, che dovranno essere in cura da almeno due anni in uno dei centri aderenti

Nuove importanti notizie arrivano dal fronte sclerosi multipla e ricerca. E’ stato infatti dato l’ok alla sperimentazione del progetto €˜Brave Dreams‑¬ in Emilia Romagna, per verificare relazioni, efficacia e sicurezza del cosiddetto metodo Zamboni per la cura della malattia.

Secondo il professor Paolo Zamboni, la cura della sclerosi multipla potrebbe infatti passare attraverso un intervento di riapertura delle vene giugulari che in quasi la totalità dei pazienti affetti da SM risultano occluse. Secondo Zamboni, dunque, curare la CCSVI potrebbe apportare degli enormi vantaggi per i malati di sclerosi multipla, ma a mancare sono le evidenze scientifiche di una effettiva correlazione tra le due patologie, ed ecco il perché di questa sperimentazione.

Sarà a carico della regione Emilia Romagna l’intero progetto che prevede uno studio su un campione di 685 persone affette da SM, con un’età compresa tra i 18 e i 65 anni di età , affetti dalle forme più comuni di sclerosi multipla (recidivante remittente o secondariamente progressiva). I pazienti quindi che potranno accedere alla fase sperimentale saranno contattati direttamente dai singoli medici e professionisti che già li hanno in cura da almeno due anni in uno dei venti centri coinvolti nel progetto.

Il progetto si svilupperà quindi per fasi: una volta selezionato il gruppo partecipante, si procederà con una programmazione degli interventi di angioplastica venosa per eliminare l’ostruzione delle vene extracraniche, vero perno dello studio e dell’interesse di ricerca. Si partirà quindi a maggio prossimo con una selezione dei pazienti, per poi dare l’avvio ufficiale al progetto nei vari centri; centri di cui comunque non saranno diffusi pubblicamente i nomi. Sullo svolgimento dell’intero progetto, vigilerà la commissione multidisciplinare della Regione Emilia, primo istituto in Italia ad appoggiare la sperimentazione.
 

INFO:

Ccsvi nella Sclerosi Multipla Onlus


IN DISABILI.COM:

SPECIALE CCSVI E SCLEROSI MULTIPLA

AISM NON FINANZIA LA SPERIMENTAZIONE ZAMBONI

Redazione