Menu

Tipografia

stem-cell-harvest-300x300La tecnica funziona sul modello murino, presto uno studio su tessuti e organi umani

Grazie a un particolare composto a base di acido ialuronico le cellule staminali sono in grado di promuovere la riparazione del danno muscolare meglio e più velocemente.
Si tratta della scoperta di un team di ricercatori dell’Università di Padova, capitanati dal Paolo de Coppi, che hanno condotto i loro studi grazie ai finanziamenti della Fondazione Città della Speranza e Telethon.

Lo studio è stato condotto per cercare una soluzione alla ricostruzione muscolare in seguito a traumi o condizioni patologiche.
La ricostruzione di organi è una pratica estremamente difficile e complessa, perseguita da ricercatori di tutto il mondo. Il problema fondamentale di questo tipo di medicina rigenerativa consiste nel combinare correttamente cellule staminali miogeniche (in grado di diventare cellule muscolari) con un "ponteggio" biocompatibile per permettere alle cellule di svilupparsi sufficientemente, una sorta di impalcatura che permette alle staminali di ricreare il tessuto danneggiato.
Il team padovano ha scoperto una sostanza in grado si assolvere al meglio questo compito di €˜impalcatura‑¬: si tratta di hydrogel, un liquido a base di acido ialuronico che illuminato da luce ultravioletta diventa un gel semisolido in grado di fungere da supporto alle staminali, che trovano così un ambiente adatto alla proliferazione.

I ricercatori sono così riusciti per la prima volta a indurre la rigenerazione di tessuto muscolare scheletrico animale murino. I muscoli dei topi hanno infatti recuperato la massa iniziale, la capacità di contrazione e la presenza di nervi e vasi sanguigni.

Si tratta di risultati incoraggianti, che aprono la strada all’applicazione di questa tecnica alla muscolatura umana.

Per info:

De Coppi, In vivo tissue engineering of functional skeletal muscle by freshly isolated satellite cells embedded in a photopolymerizable hydrogel, The Faseb Journal, 2011.


Per approfondire:

CELLULE STAMINALI E DISABILITA’


Ilaria Vacca

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->