Menu

Tipografia

 

farmaco a base di cannabisIl testo semplifica la burocrazia cui i malati hanno dovuto sottostare fino ad ora per ottenere la prescrizione e l’autorizzazione ad usare il farmaco a base di cannabis

È stata approvata all'unanimità dal Consiglio regionale pugliese la legge che autorizza e disciplina le modalità di  produzione sul territorio pugliese della cannabis a scopo terapeutico.
Già nel gennaio scorso il consiglio regionale, all’unanimità, aveva dato il via libera alla proposta di legge presentata dal gruppo di Sinistra Ecologia e Libertà, sette articoli che regolamentano e disciplinano l’uso dei farmaci cannabinoidi, mentre nelle scorse settimana è arrivato l’ok, sempre unanime, all’avvio di progetti pilota, in collaborazione con lo stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze o con altri soggetti autorizzati, per produrre medicinali a base di cannabis.

Il testo semplifica la burocrazia cui i malati hanno dovuto sottostare fino ad ora per ottenere la prescrizione e l’autorizzazione ad usare il farmaco a base di cannabis, con l’obiettivo di rendere l'accesso al farmaco meno oneroso. Per fare questo, da alcuni mesi ormai, è stata creata una società ad hoc in grado di coltivare, confezionare e distribuire la Cannabis Terapeutica attraverso un sistema controllato e strutturato, in modo tale che siano sempre i malati al centro di tutto, mantenendo i prodotti a prezzi accessibili a tutti. Oggi infatti acquistare il farmaco dall'estero costa tra i 15 e i 20 euro al grammo contro un costo di produzione in loco stimato in 1,55.

Obiettivo della legge è dunque fare in modo che anche qui come nei paesi del Nord Europa, la cannabis possa essere prodotta e venduta per fini terapeutici con un risparmio sul prezzo del medicinale per il sistema sanitario di circa dieci volte. La Regione potrà inoltre attivare partnership di ricerca e valutazione con le università della Puglia, associazioni e altri soggetti portatori di interesse o di competenze specifiche.

La norma consente di attivare un percorso virtuoso coerente con le politiche della Regione Puglia, tra le prime in Italia a sperimentare la somministrazione controllata, attraverso le strutture sanitarie, della cannabis a fini terapeutici, messa a regime, in particolare in tutte le farmacie della Asl di Lecce.

Altre Regioni avevano finora approvato leggi simili, in particolare l'Abbruzzo, l'Emilia Romagna, il Lazio, la Liguria la Lombardia, il Piemonte, la Toscana e il Veneto. La Puglia, però, è la prima ad autorizzare la coltivazione della cannabis per uso terapeutico.


PER APPROFONDIRE:

Testo della proposta di Legge Regionale


IN DISABILI.COM:

CANNABIS TERAPEUTICA: TUTTO QUELLO CHE SERVE SAPERE

CURA DEL DOLORE: IN TOSCANA OK A CURE PALLIATIVE CON DERIVATI DELLA CANNABIS


Alessandra Babetto

 

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->