Menu

Tipografia

I robot “polso” e “braccio e “mano” aiutano i bambini a recuperare la capacità di afferrare gli oggetti e spostarli, per tornare ad usare mano e arto superiore

Sei piccoli pazienti al giorno potranno utilizzare degli innovativi robot che li aiuteranno nei loro esercizi di riabilitazione per recuperare alcune funzionalità agli arti superiori. E’ questa la novità introdotta con  i due sistemi InMotion chiamati “Arm e Hand” e “Wrist”, veri e propri robot di ultima generazione progettati per consentire il recupero della funzionalità dell'arto superiore e della mano nei pazienti con disabilità motorie dovute a danni neurologici, congeniti o acquisiti, di cui si è dotato l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Santa Marinella

Grazie alla donazione della Fondazione Roma, i nuovi macchinari vanno ad arricchire la dotazione tecnologica del MARLab, il laboratorio di Analisi del Movimento e Robotica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, attivo dal 2011 a Santa Marinella, un’eccellenza a livello internazionale per la gestione dei casi ad alta complessità nella riabilitazione pediatrica.
 
COME FUNZIONANO I ROBOT - “Arm e Hand” (braccio e mano) e “Wrist” (polso) sono macchinari di ultima generazione per il trattamento riabilitativo delle patologie del sistema nervoso e muscolo scheletrico. Utilizzati nei centri internazionali di riabilitazione più avanzati, possono essere adattati alle difficoltà funzionali durante la crescita, a partire dall’età di 3 anni, e consentono di applicare i più moderni principi di apprendimento motorio, supportando e correggendo i movimenti delle braccia dei piccoli pazienti.
  
ASPETTI INNOVATIVI - Il primo, “Arm e Hand”, serve per aiutare i movimenti dell’apertura e chiusura della mano. Dopo avervi inserito manorobot neuroriabilitazione bambine avambraccio, guida con delicatezza i movimenti di spalla e gomito del paziente per raggiungere e afferrare gli oggetti. “Wrist” interagisce, invece, con i movimenti del polso e si integra funzionalmente con il modulo “Hand”.
Tra gli aspetti innovativi di questi robot, la possibilità di adiuvare movimenti complessi come l’orientamento della mano o la capacità di adattarsi ai progressi dei pazienti, modificando la modalità di interazione e consentendo una personalizzazione del trattamento.
    
CHI SONO I DESTINATARI – Questi macchinari saranno utilizzati da almeno 6 pazienti al giorno che effettueranno sedute di circa un’ora (ogni trattamento ne prevede in media 20), seguiti da personale appositamente formato, che adatterà il robot alle esigenze specifiche del piccolo utente.  Questi robot, che consentiranno il recupero funzionale di mano e braccia, completano la dotazione del MARLab che conta anche il Lokomat, un robot che invece ha la funzione di intervenire sulle funzioni motorie e della deambulazione,  aiutando i pazienti a recuperare la facoltà di camminare.

BAMBINI CON PATOLOGIE NEUROLOGICHE DISABILITANTI - Ricorda l’Ospedale Bambino Gesù che le patologie neurologiche disabilitanti che richiedono programmi personalizzati di riabilitazione intensiva specializzata sono principalmente: paralisi cerebrale infantile, trauma cranico, lesioni spinali congenite e acquisite, tumori cerebrali e patologie neuromuscolari come la Distrofia di Duchenne.
  
In Italia la casistica di bambini con deficit delle funzioni motorie e della deambulazione è molto ampia: sul territorio nazionale quelli colpiti da paralisi cerebrale infantile sono 200 mila, 20 mila solo nel Lazio. In tutta Italia, inoltre, ogni anno si stimano più di 24.000 ricoveri ospedalieri per trauma cranico di pazienti di età compresa tra 0 e 14 anni, di cui il 10% di entità grave e circa 1800 con esiti permanenti. 800 lesioni spinali all’anno, tra congenite e acquisite; 2700 nuove diagnosi di tumore del sistema nervoso centrale in pazienti di età compresa tra 0 e 18 anni, senza distinzione tra benigni e maligni.

Per info:
www.ospedalebambinogesu.it
 
In disabili.com:

Prove di protesi per la mia prossima mano stampata in 3D

E se la protesi per i bambini fosse come la mano di Iron Man?

Redazione