Menu

Tipografia

20090527-depliant_icf_2009-1Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute


Il convegno, promosso dall’Agenzia Regionale della Sanità del Friuli Venezia Giulia - Centro Collaboratore dell’OMS per le classificazioni internazionali e dal Disability Italian Network, e organizzato dal Centro Studi Erickson, è un’occasione per incontrare e conoscere i protagonisti italiani e stranieri dei progetti di implementazione della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF), approvata nel 2001 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità . Il lavoro di disseminazione e utilizzo dell’ICF è stato in Italia tra i più intensi e qualitativamente rilevanti al mondo, spaziando in tutti i settori di attività del sistema di welfare, coinvolgendo attivamente le associazioni delle persone con disabilità e promuovendo importanti sinergie tra ricercatori e istituzioni pubbliche che hanno acquisito la visione dell’ICF introducendo prospettive innovative nelle politiche nazionali e locali.
In questa prospettiva il funzionamento e la disabilità sono viste come una complessa interazione tra le condizioni di salute dell’individuo e l’interazione con i fattori ambientali e personali. La classificazione utilizza questi spazi come dinamici, e considera la disabilità  non come una condizione di malattia bensì una condizione di salute in un contesto ambientale avverso.

L’ICF può essere utilizzata in discipline e settori diversi proprio in quanto fornisce una base scientifica per la comprensione e lo studio della salute, delle condizioni, conseguenze e cause determinanti ad essa correlate, stabilisce un linguaggio comune allo scopo di migliorare la comunicazione fra i diversi utilizzatori (tra cui gli operatori sanitari, i ricercatori, gli esponenti politici e la popolazione, incluse le persone con disabilità ). Rende possibile il confronto tra dati raccolti in Paesi, discipline sanitarie, servizi e periodi diversi e fornisce uno schema di codifica sistematico per i sistemi informativi sanitari.

La classificazione è il risultato di un lungo lavoro di revisione, iniziato nel 1993 dall’OMS, della Classificazione Internazionale delle Menomazioni, Disabilità e Svantaggi Esistenziali (International Classification of Impairments, Disabilities and Handicaps - ICIDH) del 1980.
L’Italia è tra i 65 paesi che hanno attivamente partecipato alla validazione dell'ICF. A partire dal 1998 il lavoro di revisione della precedente classificazione ICIDH  è stato svolto in Italia da una rete, inizialmente informale, di istituzioni, servizi, esperti e associazioni di persone con disabilità denominata Disability Italian Network-DIN, coordinata dall'Agenzia Regionale della Sanità della Regione Friuli Venezia Giulia. La stessa Agenzia ha organizzato la presentazione ufficiale della versione italiana dell'ICF tenutasi il 17 aprile 2002 a Trieste durante la €˜WHO-Conference on Health and Disability‑¬.

Il convegno affronterà numerosi argomenti, in particolare il ruolo dell’ICF nelle politiche pubbliche, nelle poltiche del lavoro, nella ricerca e nell’università ; l’importanza che lo stesso riveste in ambito scolastico e riabilitativo.

Per info:

IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO
Segreteria organizzativa
Michela Mosca, Silvia Dalla Zuanna, Milena Bigatto 
Via Praga 5, settore E - 38121 Gardolo (TN)
tel. 0461 950747 - fax 0461 956733
e-mail: formazione@erickson.it

In DISABILI.COM:

MAMMA MARINA COMMENTA PER NOI LE RIFORME ANTICRISI

UN NEGOZIO DI FIORI PER L’AUTONOMIA DEI RAGAZZI DISABILI

Ilaria Vacca

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->