Menu

Tipografia

Il documento impegna le forze politiche a sostenere la scienza e contrastare qualasiasi forma di pseudoscienza/pseudo medicina, tra cui l'anti-vaccinismo

Beppe Grillo e Matteo Renzi (insieme a molti altri) hanno sottoscritto un patto a difesa della Scienza, promosso dai professori Roberto Burioni e Guido Silvestri, con il quale le forze politiche riconoscono che il progresso della Scienza è un valore universale dell’umanità, che non può essere negato o distorto per fini politici o elettorali (citazione della premessa al testo, ndr).

I promotori di questo documento “trasversale” sono due immunologi: il primo è tra le più note “voci” pubbliche a sostegno dell’importanza dei vaccini – Burioni è infatti noto per il suo impegno sui social e sul web  per smontare le bufale su medicina, scienza e pericoli dei vaccini, mentre il secondo, Silvestri, capo del dipartimento di microbiologia e immunologia dell’università Emory di Atlanta, è vicino ai Cinquestelle ed è stato consulente per il gruppo sul tema vaccinale.

Il testo, in sostanza, prevede che le forze politiche italiane si impegnino a rifiutare e contrastare forme di pseudoscienza/pseudo medicina che mettano  repentaglio la salute dei cittadini. E’ su questo punto che si citano il negazionismo dell’AIDS, l’anti-vaccinismo, le terapie non basate sulle prove scientifiche. Inoltre, impegna le forze politiche a sostenere fattivamente con fondi e finanziamenti la Scienza, a partire da un immediato raddoppio dei fondi ministeriali per la ricerca biomedica di base.

Beppe Grillo ha parlato della sua adesione al documento anche nel suo blog sottolineando di aver ricevuto l’appello dal Professor Guido Silvestri, e di non conoscere Roberto Burioni.
Nell’accompagnare la notizia della sua adesione, Grillo scrive: “Nella scienza non si crede: o si capisce oppure non si capisce. E’ una modalità di comprensione delle cose del mondo che deve essere capace di prescindere da qualsiasi pregiudizio (quindi anche relativamente ad un certo vaccino o modalità di vaccinazione della popolazione).
Il rapporto matematica/realtà naturale non è ancora del tutto chiaro. La scienza procede, senza timori attraverso il dubbio (anche su se stessa). La scienza, ed il suo mondo, hanno bisogno di sopravvivere, come qualunque altra cosa.
Per questo condivido con voi il Patto Trasversale per la Scienza,  perchè il progresso della scienza deve essere riconosciuto come un valore universale dell’umanità e non può essere negato o distorto per fini politici e/o elettorali”.
Intanto, però, sui social numerosi sostenitori di Grillo lo hanno criticato, accusandolo di essere un “traditore”della causa dei no-vax.


Di seguito, il testo del documento:

Patto Trasversale per la Scienza

1) Tutte le forze politiche italiane s’impegnano a sostenere la Scienza come valore universale di progresso dell’umanità, che non ha alcun colore politico, e che ha lo scopo di aumentare la conoscenza umana e migliorare la qualità di vita dei nostri simili.

2) Nessuna forza politica italiana si presta a sostenere o tollerare in alcun modo forme di pseudoscienza e/o di pseudomedicina che mettono a repentaglio la salute pubblica come il negazionismo dell’AIDS, l’anti-vaccinismo, le terapie non basate sulle prove scientifiche, ecc…

3) Tutte le forze politiche italiane s’impegnano a governare e legiferare in modo tale da fermare l’operato di quegli pseudoscienziati, che, con affermazioni non-dimostrate e allarmiste, creano paure ingiustificate tra la popolazione nei confronti di presidi terapeutici validati dall’evidenza scientifica e medica.

4) Tutte le forze politiche italiane s’impegnano a implementare programmi capillari d’informazione sulla Scienza per la popolazione, a partire dalla scuola dell’obbligo, e coinvolgendo media, divulgatori, comunicatori, e ogni categoria di professionisti della ricerca e della sanità.

5) Tutte le forze politiche italiane s’impegnano affinché si assicurino alla Scienza adeguati finanziamenti pubblici, a partire da un immediato raddoppio dei fondi ministeriali per la ricerca biomedica di base.


Redazione