Menu

Tipografia

Al semaforo verde che si è acceso nei giorni scorsi in America, è seguito l'ok anche da parte della Commissione europea. I diabetici possono iniziare a festeggiare, perché è arrivata l'alternativa all'ago, ossessione - ma anche salvezza - del popolo di dipendenti da insulina, l'ormone scoperto negli anni Venti in grado di controllare il livello di glicemia nel sangue.
Dopo aver rinviato le autorizzazioni per approfondire alcuni effetti del farmaco, la Food and Drug Administration, l'ente americano preposto al controllo e alle autorizzazioni su farmaci e alimenti,    ha finalmente approvato la commercializzazione dell'insulina spray. Il farmaco, che si assume attraverso l'inalazione, viene prodotto dalla casa farmaceutica Pfizer e si troverà in farmacia col nome di Exubera. Potrà per ora essere utilizzato solo dagli adulti e non sostituirà completamente la tradizionale iniezione: questo non toglie che la scoperta migliorerà lo stile di vita di tanti diabetici.

Lo studio di questo nuovo metodo di somministrazione iniziò alcuni anni fa: l'obiettivo era capire  se l'inalazione dell'ormone fosse in grado di fornire un controllo della glicemia paragonabile alla tradizionale iniezione. La sperimentazione metteva a confronto l'azione dell'insulina nelle due tipologie di somministrazione; venne fatta su 355 pazienti, per un periodo di 24 settimane. Ne risultò che la riduzione dei valori della glicemia era simile nei due casi, anzi, si notò che a digiuno e dopo i pasti le riduzioni maggiori si avevano nel regime a base di Insulina inalata.

Il passo successivo sarà individuare quei pazienti che, a seconda dello specifico caso clinico, potranno avere maggiori benefici dalle inalazioni di insulina. Fra dodici mesi tutti potranno comunque richiedere lo spray in farmacia, affidandosi, almeno occasionalmente, a questo metodo alternativo.

Altri articoli sul diabete e l'insulina:

LA TERAPIA GENICA PER COMBATTERE IL DIABETE

DIABETE: NUOVE SPERANZE COL TRAPIANTO FEGATO-PANCREAS

Per approfondire visita anche questi siti:

DIABETE NET

PROGETTO DIABETE

[Francesca Lorandi]

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->