Menu

Tipografia

E' stato stipulato nel maggio del 2003 l'accordo tra la Regione Marche e le farmacie del territorio per promuovere un progetto di ossigenoterapia domiciliare, ma subito le difficoltà sono state quelle di trovare di trovare un fornitore di ossigeno liquido e gassoso.
Ma ora l'accordo c'è, anche se di carattere provvisorio, valido, cioè, fino all'espletamento della gara d'appalto europea che si terrà non oltre il 31 dicembre 2004: prima di adesso già una gara d'appalto e due tentativi di accordo privati sono andati a vuoto. 
Questo patto transitorio ha come scopo quello di attivare quella convenzione stipulata con le farmacie quasi un anno fa e di garantire per tutto il territorio marchigiano il servizio di ossigenoterapia in un modo quanto più possibile omogeneo.
Le ditte che partecipano all'iniziativa forniranno, per le farmacie convenzionate, l'ossigeno liquido e gassoso presso la casa del paziente se egli è domiciliato nello stesso comune e se sono necessarie bombole di oltre tremila litri.
Se, invece, l'ossigeno è contenuto in bombole più piccole, verrà distribuito presso le farmacie.

L'accordo sperimentale per l'ossigenoterapia, sottoscritto dalla Regione Marche, dall'Azienda Sanitaria Unica Regionale (asur), dalle principali ditte fornitrici di ossigeno terapeutico e dalle organizzazioni sindacali più rappresentative delle farmacie sia pubbliche che private, ha come obbiettivi fondamentali quelli di assicurare un servizio migliore e uniforme su tutto il territorio, semplificare le procedure amministrative, qualificare le prestazioni e risparmiare oltre 100 mila euro al mese.
Non solo, l'intesa, operativa dai primi giorni di marzo, dovrà portare a una riduzione di oltre il 20 per cento degli attuali costi a carico del Servizio sanitario regionale.
"Tutte le parti che hanno sottoscritto l'accordo - sottolinea l'assessore regionale alla Sanità, Augusto Melappioni - intendono adoperarsi affinché la spesa farmaceutica venga contenuta nell'ambito del tetto assegnato, senza diminuire i livelli di assistenza".

L'ossigenoterapia combatte le insufficienze respiratorie gravi e, per l'acutizzazione degli stati di ipossia, è necessaria la somministrazione di aria arricchita di ossigeno.
Questa operazione può essere fatta sia in ospedale sia domiciliarmene.
Ecco che quindi, quest'iniziativa, è un enorme passo avanti nel far sentire il paziente più a suo agio e meno libero a causa della patologia di cui soffre, tanto più se a un miglioramento del servizio corrisponde anche una diminuzione dei costi che potranno anche essere reinvestiti per l'implementazione di nuovi servizi.
Che la sanità stia cambiando rotta?

Per informazioni
www.regione.marche.it

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->