Menu

Tipografia

Due nuovi Centri di risveglio dal coma.
Sorgeranno in Campania, previsti nel nuovo Piano Regionale Ospedaliero per il triennio 2007-2009 siglato lo scorso 19 dicembre dal locale Consiglio regionale, e che consegna al territorio un fondamentale strumento di programmazione sanitaria, che mancava da 12 anni.
Molte le questioni rilevanti che si scoprono leggendone il testo, come l'intenzione di aumentare i posti letto destinati alla riabilitazione, risultati insufficienti(punto6.2).
Ma il punto che interessa sottolineare è la decisione di istituire due centri di risveglio dal coma, sulla scia di quanto accade a Bologna, con la "Casa dei Risvegli Luca De Nardis", centro ospedaliero pubblico di riabilitazione per persone in stato vegetativo o post vegetativo in fase postacuta con ancora un potenziale di cambiamento.
Le due strutture sorgeranno una presso l'Azienda Ospedaliera Santobono-Pausillipon di Napoli, per il settore neo-natale, e la seconda presso l'Azienda Ospedaliera Rummo di Benevento, per gli altri casi.
Decisivo l'interessamento degli assessori regionali alla sanità Angelo Montemarano, e alle politiche sociali, Rosa D'Amelio, e del presidente della V^ Commissione Sanità, l'onorevole Angelo Giusto.

"Questo risultato premia l'azione svolta dall'associazione 'Gli amici di Eleonora' - spiega il presidente Margherita Rocco - affiancata e in convenzione con l'associazione 'Gli amici di Luca' di Bologna già promotrice in Emilia Romagna con l'Azienda Usl di Bologna della 'Casa dei Risvegli Luca De Nigris'. Ora è importante sensibilizzare le istituzioni e l'opinione pubblica della Campania, affinché questi progetti si realizzino concretamente".
"Gli amici di Eleonora" è un'associazione nata nel marzo 2006 dall'impegno di Margherita Rocco e Claudio Lunghini, genitori di Eleonora,una bambina nata nell'agosto 2003 dopo un parto in situazione disperata, per mesi in coma e purtroppo scomparsa nel gennaio 2004. Dall'emozione per questa vicenda, attorno a loro si è creato un movimento di amici, medici, professionisti e familiari che subito si è orientato verso l'apertura di un dibattito per la costituzione in Campania di centri specializzati su questo problema.

"E' un primo risultato davvero importante - dice Fulvio De Nigris, direttore del Centro Studi per la Ricerca sul Coma di Bologna e tra i fondatori dell'associazione 'Gli amici di Luca' - perché concretizza quell'opera di sensibilizzazione che da anni portiamo avanti, per creare una rete di strutture che adeguatamente si occupino di coma e di stati vegetativi dalla fase postacuta a quella degli esiti. E' importante anche perché per la prima volta nel documento approvato in Campania si parla della realizzazione di moduli in area pediatrica, una scelta che colma una lacuna a livello nazionale sulla complessità del problema specifico".

"Siamo convinti che 'Gli amici di Eleonora'
- continua Fulvio De Nigris -  mettendo a frutto, come noi abbiamo fatto a Bologna, la dolorosa esperienza maturata e facendo tesoro dei bisogni riscontrati come familiari, possano dare la giusta spinta propulsiva alle istituzioni per costituire un tavolo di lavoro e portare avanti insieme ai professionisti una concreta alleanza terapeutica.
Per quanto ci riguarda siamo disponibili a mettere a disposizione la nostra capacità di sperimentazione,  a seguire con attenzione quel percorso di assistenza nella 'convivenza nella malattia' che è uno tra gli obiettivi della commissione sulle tematiche 'cure palliative, stati vegetativi e dignità di fine vita' istituita dal Ministro della Salute Livia Turco e della quale faccio parte".

INFO:

Il sito della Regione Campania

Associazione Gli amici di Luca
Tel. 051 6494570
amicidiluca@tin.it

Abbiamo parlato dell'associazione Gli amici di Luca
LA 'GIORNATA DEI RISVEGLI' DEGLI AMICI DI LUCA

Per saperne di più sull'Associazione Gli amici di Eleonora, dove si può anche scaricare il documento con il nuovo Piano Regionale Ospedaliero

Sul risveglio dal coma vedi anche questo contributo:
DOPO TERRY, SARAH, CHE INVECE E' 'RITORNATA' DOPO 20 ANNI DI COMA


[Alberto Friso]

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->