Menu

Tipografia

Il 31% delle donne italiane (oltre 7 milioni) dichiara di soffrire di disturbi quali pesantezza, stanchezza, gonfiore e dolore alle gambe, e nel 65% dei casi i problemi alle gambe hanno influito negativamente sugli stili di vita.
Il problema dell'insufficienza venosa oltre ad avere quindi un'implicazione estetica, è spesso "invalidante" sul piano fisico, sociale e professionale.

"La scorsa primavera, Boehringer Ingelheim Italia ha realizzato uno studio epidemiologico su 3200 pazienti volontari. 
I dati evidenziati
- dichiara il Dr. Antonio Jannello, Primario di Unità Operativa di Chirurgia Vascolare l'Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar - forniscono  informazioni interessanti sul "peso" che un disturbo come l'insufficienza venosa alle gambe può avere all'interno della popolazione ed, in particolare, del mondo femminile.
Si evidenzia, infatti
, - prosegue il Dr. Jannello - che l'essere donna indica una probabilità molto alta di presentare alcune manifestazioni cliniche legate ad una cattiva funzionalità della circolazione nelle gambe, quali in particolare: la comparsa di teleangectasie ed edema così come la comparsa di alcuni sintomi come il dolore, la pesantezza alle gambe e gonfiore."

"L'avere avuto delle gravidanze - dichiara il Prof. Giovanni Paolo Deriu, Primario dell'Istituto di Chirurgia Vascolare di Padova -  contribuisce ad aumentarne le probabilità. L'avanzare dell'età incide un po' su tutti i parametri obiettivi e sintomatologici, più nell'uomo che nella donna. Lo svolgere attività fisica, anche di grado lieve-moderato, un'alimentazione sana ed equilibrata, sicuramente proteggono dalla comparsa della patologia".
Inoltre
- conclude il Prof. Deriu - un ulteriore dato interessante viene fornito dall'ISTAT che valuta per questa patologia un costo socio economico di 850 milioni di Euro all'anno".

Il 'Mese della Prevenzione e del Benessere delle Gambe' con visita specialistica gratuita è un'iniziativa promossa da Boehringer Ingelheim Italia, con la collaborazione scientifica dell'Ospedale San Raffaele di Milano ed il patrocinio della SICVE - Società Italiana di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare, per divulgare e sensibilizzare la popolazione al concetto di prevenzione delle patologie vascolari degli arti inferiori.

A tutti coloro che si sottoporranno alla visita specialistica presso le Unità Operative di Chirurgia Vascolare degli ospedali aderenti verrà consegnato un vademecum scientifico/informativo sulla patologia, sulle regole comportamentali e gli stili di vita.

Le visite si possono prenotare solo ed esclusivamente attraverso il numero verde 800.220.220.
Altre informazioni si possono trovare sul sito Internet www.benesseredellegambe.it.

Nella nostra Regione le visite possono essere effettuate a Verona presso l'Ospedale Sacro Cuore Don Calabria tutti i martedì dal 20 maggio al 10 giugno
A Padova ha aderito l'Istituto di Chirurgia Vascolare con un ambulatorio aperto dal 22 maggio al 12 giugno.