Menu

Tipografia

Malattia del benessere.
Patologia sociale.
Dai costi certamente elevati.
Due milioni oggi, tre milioni nel 2025, qualcosa come 100 mila nuovi casi all'anno, con una diagnosi che coinvolge soggetti generalmente fra i 40 e i 60 anni.
Patologia dai dati allarmanti,  il diabete sembra essere l'epidemia della nuova epoca, perchè colpisce tutte quelle persone, spesso giovani adulti o addirittura adolescenti, che per lo stile di vita, la presenza di altre patologie, l'obesità, la familiarità, hanno un rischio elevato di sviluppare la malattia nel giro di pochi anni.

Oggi, la miglior cura del diabete è il controllo della glicemia e del colesterolo, il mangiare sano e l'attività fisica. Ma soprattutto la prevenzione e il controllo. E questa attenzione si sta fortunatamente sempre più diffondendo grazie anche a nuovi progetti come "Veneto-Diabete", finalizzato alla creazione di un modello osservatorio epidemologico, capace di fornire on-line e in tempo reale dati sui bisogni della popolazione diabetica e sulla qualità dei servizi erogati.
Grazie alla costituzione di un database comune e alle analisi dei dati raccolti è possibile arrivare a definire dei processi di cura ottimizzati arrivando quindi all'identificazione dei problemi e della loro soluzione.
A questo progetto hanno fino ad ora aderito Verona, Vicenza e Chioggia, località quest'ultima che vanta anche un ottimo Centro Antidiabetico.
Si tratta infatti di una realtà, attiva dal 1989, che vanta una equipe altamente professionale e motivata, costituita da medici, infermieri, dietiste e alcuni volontari. E il servizio che offre risponde appieno alle esigenze della popolazione.
Come dimostrano i dati: nel corso del 2004 sono aumentati gli accessi al centro di Chioggia e sono state registrate 3738 visite ambulatoriali, 338 in più rispetto all'anno precedente. E di queste, ben 264 quelle effettuate da pazienti che sono giunti al centro per la prima volta.

Il diabete è una delle più comuni patologie cronico degenerative: questo significa che, quando degenera, può colpire alcune parti del corpo come il piede, l'occhio, i reni, il sistema nervoso e quello cardiovascolare. Se nel 1600 a.C, come ci testimonia un papiro egiziano, la cura era a base di miele, lievito di birra e datteri, ora le cure hanno perso un po' di credibilità. Nel senso che la prevenzione si è scoperto essere l'arma migliore per combattere il diabete: uno di stile di vita sano (meno cibo e più esercizio fisico) sono indispensabili per tenere lontano il rischio di sviluppare la malattia.
Tuttavia alcuni studi recenti hanno dimostrato che un'efficace prevenzione è ottenibile anche con alcuni farmaci che vengono utilizzati per la cura del diabete (metformina, glitazoni, acarbosio) o per la cura dell'ipertensione arteriosa (ACE-inibitori, bloccanti dei recettori dell'angiotensina).
Probabilmente questi farmaci saranno presto utilizzati per la prevenzione della malattia nelle persone a maggiore rischio, mentre altri sono ancora in sperimentazione.

Il centro antidiabetico di Chioggia si trova in via Madonna Marina, 500
Tel. 0415534387
E' aperto tutto l'anno, sei giorni a settimana, dalle 7.30 alle 13.30.

Vai al nostro speciale Diabete

IL DIABETE, QUESTO SCONOSCIUTO

LA TERAPIA GENICA PER COMBATTERE IL DIABETE

“LA MIA VITA DI QUATTORDICENNE TRA DIABETE E BASKET”


[Francesca Lorandi]

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->