Menu

Tipografia

martelletto tribunale"Abbiamo deciso di presentare questo ricorso poiché profondamente indignati da questo bieco e reiterato tentativo di far pagare alle categorie più deboli il prezzo di una crisi che certamente non hanno prodotto"

E' stato depositato giovedì scorso da una delegazione composta da venti persone tra disabili, genitori e rappresentanti di associazioni, il ricorso collettivo volto ad impugnare il d.p.c.m. di riforma ISEE, presso il Tribunale Amministrativo del Lazio.

Promotori, nonché  firmatari del ricorso, l'Associazione Ylenia e gli Amici Speciali, il Coordinamento Sociosanitario per le persone con Disabilità ASL RM E, la Uildm Lazio Onlus, Il Vento sulla Vela, Istituto Vaccari, CO.FA.AS Clelia, ARPA, il Melograno Rosso, La Lampada Dei Desideri, Il Ponte, Tutti Nessuno Escluso, Habitat Per l'Autismo, singole persone con disabilità e i loro familiari o tutori. Queste le motivazioni, che si leggono dal comunicato stampa del gruppo:

Il d.p.c.m (Decreto Presidente Consiglio dei Ministri) mina pesantemente la piena realizzazione dei diritti fondamentali delle persone con disabilità e viola i principi costituzionali di tutela che garantiscono la dignità della persona, l'uguaglianza e il diritto alla salute nonché i principi contenuti nella Convenzione Onu sui diritti delle persone
con disabilità. Tutto questo in nome del contenimento della spesa pubblica.

Le nuove modalità di calcolo dell'ISEE introdotte dall'impugnato decreto snaturano l'essenza stessa dell'indennità percepita, per cui, ancora una volta saranno le famiglie o la persona disabile a sobbarcarsi di tutte le problematiche connesse alla propria condizione e ancora una volta lo Stato si sottrae dalle proprie responsabilità.


Il d.p.c.m aumenta il reddito utile ai fini del calcolo dell'ISEE
, ovvero, somme di denaro, contributi economici ed agevolazioni fiscali concessi dagli enti pubblici con la finalità di recuperare lo svantaggio e per assicurare la realizzazione dei diritti costituzionalmente riconosciuti.

Ciò significa che, a seguito della riforma introdotta dall'impugnato decreto, vengono considerate reddito tutte le provvidenze economiche per le prestazioni sociali e sociosanitarie agevolate concesse alle persone con disabilità, ad esempio le indennità di accompagnamento, le pensione di invalidità, i contributi per l'assistenza indiretta (vita indipendente), gli assegni di cura, i contributi per l'abbattimento delle barriere architettoniche o per l'acquisto di prodotti tecnologicamente avanzati e il trasporto personale".

Ribadiscono quindi il loro no i diretti interessati dalle nuove misure introdotte dall'ISEE. Così Silvana Giovannini dell'Associazione Ylenia e gli Amici Speciali:"Abbiamo deciso di presentare questo ricorso poiché profondamente indignati da questo bieco e reiterato tentativo di far pagare alle categorie più deboli il prezzo di una crisi che certamente non hanno prodotto, sono anni che è in atto lo smantellamento dello Stato Sociale e questo- conclude-  è l'ennesimo attacco al quel briciolo di welfare che è rimasto in questo Paese".

"Questo decreto è un colpo alla vita alle persone con disabilità e ai diritti acquisiti - commenta Sabina Savagnone dell'Arpa- ancora sono inosservati i bisogni essenziali con la sistematica sottrazione di servizi e ora - conclude - si vuole sferrare un altro colpo alla dignità delle persone con disabilità".

IN DISABILI.COM:

ISEE E DIRITTI DEI DISABILI: OLTRE AL RICORSO AL TAR PRONTI ANCHE ALLA MOBILITAZIONE

 

ISEE E DISABILITA': LE NOVITA' E I PUNTI DEBOLI


Redazione