Menu

Tipografia

Si potrà richiedere il ricalcolo o l’immediata applicazione delle sentenze del Consiglio di Stato

La notizia della recente bocciatura da parte del Consiglio di Stato del ricorso avanzato dal Governo sulla questione ISEE e disabilità è di questi giorni, e sta scatenando un terremoto.

ISEE E DISABILITA’ - Per ricapitolare la situazione: il Consiglio di Stato si è espresso il 29 febbraio scorso con le sentenze n.838, 841 e  842/2016 confermando le tre sentenze del Tar Lazio che aveva accolto la richiesta di alcune famiglie con disabilità che si appellavano contro l’inserimento nel Dpcm 159/2013 (Decreto Isee) degli emolumenti a sostegno della disabilità quale reddito ai fini ISEE. Il tribunale , in sostanza, aveva definito illegittimo inserire quegli emolumenti che sono riconosciuti esclusivamente a titolo risarcitorio per disabilità, nel reddito per il calcolo dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente.

LE NOVITA’ - Nonostante le pronunciazioni  del Tribunale Amministrativo romano fossero immediatamente esecutive (e quindi da applicare), all’indomani delle sentenze del Tar di fatto nulla era cambiato. I Caaf, infatti, secondo le numerose segnalazioni che sono pervenute anche a noi, hanno rimbalzato continuamente le richieste dei cittadini, continuando a non applicare le novità.
Di fronte a questa situazione i cittadini non sapevano oggettivamente cosa fare né come pretendere di vedere applicate le novità. Alcuni suggerivano di allegare,   alla richiesta all’amministrazione competente, una nota nella quale ci si riservava di eventualmente adire a vie legali.

COME DIFENDERSI - E adesso?, ci si chiede. Come affrontare le legittime rivendicazioni di coloro che si sono visti negare un beneficio per l'illegittima inclusione delle indennità relative alla disabilità fra i redditi? Come gestire il caos del ricalcolo degli Isee scaduti e le conseguenze in punto di erogazione dei servizi e di compartecipazione dell'utenza ai costi? Su questo interviene l’Aduc – Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, che suggerisce:

Come difendersi
- Chi è stato leso da un ingiusto calcolo Isee ne potrà chiedere il ricalcolo (relativo all'anno 2015 o a quello presentato per il 2016) ed in base a ciò, intimare le dovute conseguenze economiche; non ultime le esclusioni dai servizi perche' l'Isee, con l'aggiunta del'indennita', faceva superare i limiti di reddito (1).

- Chi, invece, si appresta a depositare l'Isee per l'anno in corso, potrà pretendere l'immediata attuazione delle sentenze del Consiglio di Stato, nel caso con una diffida (1).
Il Governo, dal canto suo, non avendo provveduto nel 2015 ad attuare le pronunce di primo grado, dovrà agire subito mettendo mano al DPCM come riformulato dalla giustizia amministrativa, per evitare che l'intero sistema delle prestazioni agevolate perduri, come già da un anno, nella illegalità, alimentando ancor di più le già maturate pretese di giustizia dei cittadini.

* http://www.aduc.it/articolo/rsa+residenze+sanitarie+assistenziali+nuovo+isee_23077.php

(1) in mancanza di disponibilità dell'amministrazione, dovà farlo con una messa in mora e la pretesa dei relativi danni causati dalla loro non applicazione: http://sosonline.aduc.it/modulo/richiesta+rideterminazione+isee+seguito+sentenze_24031.php


PER APPROFONDIRE

La sentenza del Consiglio di Stato

In disabili.com:
I diritti dei disabili

Redazione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->