Menu

Tipografia

Il fondo per il finanziamento di attività legate alle disabilità uditive ammonta a un totale di 8milioni di euro

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 17 agosto il decreto con i criteri i criteri e le modalità per l'utilizzazione delle risorse del Fondo per l'inclusione delle persone sorde e con ipoacusia.

  Il fondo è quello previsto dall'art. 1, comma 456, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, conformemente alle finalità individuate dall'art. 34-ter del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 maggio 2021, n. 69, recante «Misure per il riconoscimento della lingua dei segni italiana e l'inclusione delle persone con disabilita' uditiva».

Le risorse assegnate al Fondo ammontano a 8 milioni di Euro per l'anno 2021, così suddivise:
   a. 4 milioni di euro al Fondo per il finanziamento ordinario delle università statali e dei consorzi interuniversitari, per l'attivazione dei percorsi formativi per l'accesso alle professioni di interprete in Lingua dei segni italiana (LIS) e in Lingua dei segni italiana tattile (LIST);
   b. 500.000 euro alla promozione di campagne di comunicazione da parte della Presidenza del Consiglio dei ministri, al fine di favorire i processi di inclusione sociale delle persone sorde e con ipoacusia, con protesi acustiche o impianto cocleare;
   c. 3,5 milioni di euro alla promozione di progetti di informazione sulla sordità o ipoacusia neonatale o neurodegenerativa, di progetti per la conoscenza la promozione della cultura della comunità sorda in Italia, di progetti sperimentali per l'analisi e la conservazione della Lingua dei segni italiana (LIS) e in Lingua dei segni italiana tattile (LIST) e per la diffusione dei servizi di interpretariato in Lingua dei segni italiana (LIS) e in Lingua dei segni italiana tattile (LIST) con particolare riguardo:
     -alla promozione della conoscenza e delle competenze nell'uso della Lingua dei segni italiana (LIS) e in Lingua dei segni italiana tattile (LIST);
     -alla diffusione di servizi di interpretariato per l'accesso ai servizi pubblici, compresi quelli di emergenza;
     -all'uso di ogni altra tecnologia finalizzata all'abbattimento delle barriere all'informazione o alla comunicazione delle persone sorde o con ipoacusia, con protesi acustiche o impianti cocleari.

Le risorse verranno destinate a finanziare progetti individuati mediante avvisi pubblici, ai quali potranno partecipare pubbliche amministrazioni, enti pubblici, regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano, anche in forma associativa, tra loro e con gli enti del terzo settore, di cui al decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 maggiormente rappresentativi delle categorie beneficiarie, con associazioni   rappresentative   delle persone sorde, e con istituti di studio e ricerca pubblici ovvero

tramite accordi di collaborazione ai sensi dell'art. 15 della legge 7 agosto 1990, n. 241.

Potrebbe interessarti:

Pensioni sordi

Legge 21 maggio 2021, n. 69

Per approfondire:

Il testo del decreto in Gazzetta Ufficiale

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->