Menu

Tipografia

Si potrà arrivare ad ottenere fino a 600 euro per coprire i costi di sedute psicologiche. Vediamo requisiti e modalità di presentazione della domanda

Dopo aver parlato nei giorni scorsi del Bonus 200 euro previsto anche per persone con disabilità, segnaliamo le novità in merito ad un bonus che contribuirà a sostenere le spese per percorsi di sostegno psicologico. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha infatti firmato il 27 maggio scorso il decreto contenente le istruzioni e le modalità di erogazione del cosiddetto ‘bonus psicologo’, ovvero il sostegno economico, finanziato dal Parlamento con 10 milioni di euro per il 2022, per venire incontro ai bisogni assistenziali di natura psicologica, emersi in particolare a causa della pandemia, soprattutto nella popolazione giovane.
Il bonus, previsto dall’articolo 1-quater, comma 3 del decreto-legge 30 dicembre 2021, n. 228 convertito con modificazioni dalla legge 25 febbraio 2022, n. 15, consiste in un contributo in denaro a favore di persone che abbiano bisogno di intraprendere un percorso psicologico con un professionista iscritto all’albo. Per poter accedere alla domanda è necessario avere un ISEE inferiore ai 50.000 euro.

COME SPENDERE IL CONTRIBUTO
Il contributo, che per i beneficiari che ne hanno diritto viene riconosciuto solo una volta, e la cui entità varia a seconda dell’ISEE (lo vediamo fra poco) si può spendere per coprire i costi di sessioni di psicoterapia presso specialisti privati regolarmente iscritti nell’elenco degli psicoterapeuti, nell’ambito dell’albo degli psicologi, che abbiano aderito all’iniziativa.

BENEFICIARI E REQUISITI
Il bonus psicologo è stato previsto a favore di persone in condizione di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica, a causa dell’emergenza pandemica e della conseguente crisi socio-economica, per beneficiare di un percorso psicoterapeutico.

IMPORTI DEL CONTRIBUTO
Il beneficio copre fino a 50 euro per ogni seduta. All’aumentare dell’ISEE dei richiedenti, che deve comunque essere al di sotto dei 50.000 euro, diminuisce l’entità complessiva del contributo. Questi gli scaglioni:
a. Con ISEE inferiore a 15.000 euro: importo massimo di 600 euro per ogni beneficiario;
b. Con ISEE tra 15.000 e 30.000 euro: importo massimo di 400 euro per ogni beneficiario;
c. Con ISEE superiore a 30.000 e non superiore a 50.000: importo massimo di 200 euro per ogni beneficiario.

PRESSO QUALI PROFESSIONISTI
Il bonus è spendibile per sostenere le spese relative a sessioni di psicoterapia presso specialisti privati iscritti nell’elenco degli psicoterapeuti, nell’ambito dell’albo degli psicologi, che abbiano comunicato l’adesione all’iniziativa al Consiglio Nazionale degli Ordini degli Psicologi (CNOP).
L’elenco dei professionisti aderenti sarà consultabile attraverso una sezione riservata del sito INPS.

TEMPISTICHE
Entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale, INPS ed il Ministero della salute comunicheranno la data dalla quale sarà possibile presentare le domande di accesso al beneficio e il periodo di tempo nel quale si potrà presentare la domanda. Ci saranno almeno due mesi di tempo per poter presentare la domanda.

COME SI PRESENTA LA DOMANDA
La domanda di accesso al contributo va presentata online all’INPS, oppure attraverso il contact center di INPS. Per la verifica online dell’identità del richiedente verranno richiesti, alternativamente:
- Carta di Identità Elettronica (CIE) oppure
- SPID oppure
- Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Poiché è necessario, da parte dell’INPS, verificare i requisiti ISEE dei richiedenti, l’istituto controllerà che sia presente una DSu valida: in caso contrario richiedente verrà informato dall’INPS della necessità di presentare la relativa DSU e di presentare la domanda di accesso al beneficio dopo il rilascio di una DSU valida.

GRADUATORIE E USO DELLE RISORSE
Una volta chiuso il periodo valido per presentare la domanda, l’INPS stila le graduatorie (viene data priorità agli ISEE più bassi, ndr) distinte per regione e provincia autonoma di residenza, e individua i beneficiari, ai quali viene comunicato un codice univoco del valore calcolato sulla base dell’ISEE.
Per utilizzare il bonus ottenuto, in fase di prenotazione il beneficiario comunica al professionista il proprio codice univoco. A quel punto il professionista entra nella piattaforma INPS comunicando l’ammontare della seduta concordata, e l’utente riceve conferma dall’INPS della prenotazione. Dopo l a prestazione il professionista emette fattura intestata al beneficiario indicando il codice univoco, associato al beneficiario, al quale l’INPS comunicherà successivamente l’importo utilizzato e la quota residua.
Il beneficiario ha tempo 180 giorni per usufruire del contributo ottenuto.

Potrebbe interessarti anche:

Novità legge 104

Redazione

Donna foto creata da freepik - it.freepik.com

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->