Menu

Tipografia


Tra i beneficiari del bonus 200 euro introdotto dal “Decreto Aiuti” anche persone con invalidità civile, ciechi e sordi

Il Governo sta lavorando per mettere in campo delle iniziative a sostegno del Paese in questo momento nel quale, anche a causa del conflitto russo-ucraino, le ripercussioni su aziende e cittadini si fanno sentire, con un aumento dei prezzi soprattutto sul fronte energetico.

E’ stato quindi approvato, e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 18 maggio 2022 il Decreto Legge n. 50 riguardante“Misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi ucraina”, che dovrà poi essere presentato alle Camere per la conversione in legge.

Tra le misure contenute, che riguardano in particolare la materia dell’energia e il sostegno alle imprese e alle famiglie per far fronte all’aumento dei prezzi, è stato inserito (agli articoli 31 e 32) il cosiddetto bonus 200 euro, destinato a lavoratori e pensionati, incluse persone con disabilità in possesso di determinati requisiti. Vediamo a chi spetta e come funziona.

CIFRE E LIMITI DI REDDITO
Il bonus è una misura una tantum, ovve ro verrà erogato una sola volta, con la mensilità di luglio, con lo stipendio o la pensione che il cittadino riceve.

Per avere diritto al bonus è necessario non superare il reddito personale imponibile IRPEF di 35.000 euro (al netto dei contributi previdenziali ed assistenziali). Dal computo del reddito personale assoggettabile ad IRPEF vanno esclusi i trattamenti di fine rapporto, il reddito della casa di abitazione e le competenze arretrate sottoposte a tassazione separata.

L'indennità dei 200 euro non costituirà reddito ai fini fiscali nè ai fini della corresponsione di prestazioni previdenziali ed assistenziali, non sarà cedibile, nè sequestrabile, nè pignorabile.

CHI NE HA DIRITTO
Hanno diritto a ricevere il bonus 200 euro soggetti residenti in Italia:
- lavoratori dipendenti che già non abbiano diritto al bonus perché rientrano in altre categorie
- disoccupati titolari a giugno 2022 di trattamenti Naspi e Dis-Coll
- lavoratori domestici
- stagionali di turismo, ecc.
- percettori del reddito di cittadinanza
- titolari di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria,
-  titolari di pensione o assegno sociale,
-   titolari di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti,
-  titolari di trattamenti di accompagnamento alla pensione

BONUS 200 EURO E DISABILITA’
Come indicato dall’articolo 32, quindi, le persone con disabilità che avranno diritto a ricevere il bonus 200 euro sono i titolari di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordi.
I titolari di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonchè di trattamenti di accompagnamento alla pensione, l'INPS corrisponderà d'ufficio, con la mensilità di luglio 2022, l'indennità una tantum pari a 200 euro.
Se si è titolari di trattamenti non gestiti dall'INPS il casellario centrale dei pensionati, individuerà l'Ente previdenziale incaricato dell'erogazione dell'indennità una tantum che provvede negli stessi termini e alle medesime condizioni ed è sarà successivamente rimborsato dall'INPS.
Sempre fermo restando il requisito di reddito personale assoggettabile ad IRPEF, al netto dei contributi previdenziali e assistenziali, non superiore per l'anno 2021 a 35.000 euro.
I lavoratori dipendenti lo riceveranno invece direttamente in busta paga, mentre i lavoratori domestici dovranno presentare specifica domanda all’INPS.

Per approfondire:

DECRETO-LEGGE 17 maggio 2022, n. 50 

http://handylex.org

In disabili.com:

Istruzioni precompilata

Redazione

bottoncino newsletter
Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->