Menu

Tipografia
inpsE' stata ritirata la circolare Inps che prevedeva il calcolo del reddito anche del coniuge per la liquidazione delle pensioni di invalidità civile 

La Cigl fa sapere, tramite una nota diramata stamattina che l'Inps ritira la circolare che da una settimana aveva fatto non solo parecchio discutere, ma mobilitare gran parte del mondo associazionistico, oltre che le sigle sindacali.

Così si legge nella nota della: marcia indietro dell'Inps e ritiro della circolare 149 del 28 dicembre , quel provvedimento cioè che ha creato scalpore nei giorni scorsi, come denunciato dalla Cgil, perché prevedeva che gli invalidi civili al 100%, per avere la pensione di invalidità , dovessero fare riferimento non più al reddito personale ma anche, a quello del coniuge.

Come si legge nella nota della Cigl, il direttore generale dell'Inps Mario Nori ha infatti diramato oggi un provvedimento dove si prevede che "sia nella liquidazione dell'assegno ordinario mensile di invalidità civile parziale, sia per la pensione di inabilità civile si continuerà a far riferimento al reddito personale dell'invalido".

Questo quanto indicato nella circolare firmata da Mauro Nori:  In attesa della preannunziata nota ministeriale a chiarimento della complessa materia dei limiti reddituali delle pensioni di inabilità civile ed in considerazione di una interpretazione costituzionalmente orientata degli artt. 12 e 13 della legge n. 118/1971, si ritiene di non modificare l’orientamento amministrativo assunto a suo tempo dal Ministero dell’Interno (circ. Ministero dell’Interno n. 5 del 20.6.1980) e successivamente confermato nel tempo da questo Istituto all’atto del subentro nella funzione di erogazione delle provvidenze economiche per le minorazioni civili.
Pertanto, sia nella liquidazione dell’assegno ordinario mensile di invalidità civile parziale, sia per la pensione di inabilità civile si continuerà a far riferimento al reddito personale dell’invalido.

Una decisione accolta con favore dalla Cgil, fa sapere la responsabile dell'ufficio politiche della disabilità , Nina Daita: "siamo soddisfatti del risultato raggiunto dopo le pressioni fatte nei giorni scorsi e l'ampia mobilitazione nei confronti di un provvedimento che si prefigurava come palesemente iniquo e vessatorio nei confronti del mondo della disabilità ".

La stessa Fornero aveva preso posizione in merito alla questione, aprendo un'istruttoria e inviando una lettera al presidente dell'Inps Antonio Mastrapasqua, chiedendo di valutare attentamente tutti gli aspetti della normativa, ivi compresi quelli di equità .



IN DISABILI.COM:

INVALIDITA': PER LA PENSIONE FARA' CUMULO ANCHE IL REDDITO DEL CONIUGE


Redazione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->