Menu

Tipografia

INCONTRO LAVORATORE - IMPRESA

Disabili-com: logo Assessorati al Lavoro

  • La Commissione Provinciale Tripartita per il Lavoro
    E' costituita da rappresentanti dei datori di lavoro, dei lavoratori e dei disabili e ha il compito di definire le politiche per l'impiego dei lavoratori disabili.

  • Il Comitato Tecnico
    E' costituito da esperti dell'inclusione lavorativa ed elabora le schede con le capacità lavorative dei disabili. Inoltre analizza i posti di lavoro disponibili e realizza il collocamento mirato.

  • L'Ufficio per il Collocamento Disabili
    E' costituito all'inteno dell'Assessorato al Lavoro, nei centri territoriali per l'impiego. Riceve i prospetti informativi, li controlla e li approva; iscrive i lavoratori alle liste di collocamento dei disabili e istruisce le partiche per le convenzioni.

  • La Commissione Sanitaria
    E' costituita da medici, da un sanitario esperto della patologia del richiedente e da un operatore sociale. Visita il lavoratore, effetua colloqui e valutazioni, ricostruisce e valuta l'istruzione, l'attività formativa, riabilitative e l'integrazione scolastica e sociale già realizzate dalla persona. Questo per giungere:
    - Alla diagnosi funzionale
    - Al profilo socio-lavorativo
    - Alla relazione conclusiva

  • Il Servizio di Integrazione Lavorativa (laddove esiste)
    Svolge un'attività di mediazione al lavoro con programmi di inclusione lavorativa diretti all'utenza disabile e alle aziende.

  • La Direzione Provinciale del Lavoro
    Effettua controlli nelle aziende ed eventualmente commina le sanzioni.

  • L'Ente Locale
    Può fertilizzare le opportunità offerte dalla legge 68 attraverso alcune azioni positive: dare informazioni ai disabili e alle aziende; formare i lavoratori disabili verso le qualifiche richieste dal mercato; sensibilizzare le imprese a verificare il valore del lavoratore disabile, promuovere forme di incontro tra domanda e offerta di lavoro.

  • Le organizzazioni del territorio
    - Associazioni di categoria dei datori di lavoro. Possono veicolare l'informazione verso le imprese e stimolare l'attenzione verso l'inserimento lavorativo mirato.
    - I consulenti del lavoro. Possono mediare l'incontro delle esigenze delle aziende con gli obblighi della legge
    - Associazioni dei disabili. Svolgono un'efficace azione di controllo dell'applicazione corretta della legge, anche partecipando alla commissione tripartita provinciale. Diffondono l'informazione tra i lavoratori disabili e li formano alla cultura del lavoro.

  • I sindacati
    Danno luogo ad azioni di promozione e controllo del processo di inserimento lavorativo, attivandosi nella commissione provinciale tripartita.

  • L'attività interistituzionale tra i servizi
    La legge 68 lascia che ciascun territorio definisca l'assetto organizzativo dei servizi per l'inserimento mirato che meglio risponde alle proprie esigenze e risorse. Afferma che il processo di inserimento lavorativo non può essere affidato ad un unico servizio che, per quanto efficiente, lavori in isolamento. Il successo della legge 68 è, dunque, legato alla capacità dei servizi per l'impiego e di quelli sanitari, sociali e formativi di interagire efficacemente tra loro. Solo questa attività interistituzionale permette di attuare l'insieme delle procedure che, ancorché basate sull'imposizione di un obbligo, sono il risultato di una maturazione culturale e sociale della comunità.

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->