Menu

Tipografia

 LAVORO DISABILI LOGOIl termine per l'inoltro della domanda è fissato per il 1 marzo

Nel corso del quinquennio antecedente la data di maturazione dell'anzianità massima contributiva di 40 anni i dipendenti pubblici (esclusi quelli della scuola) possono chiedere di essere esonerati dal servizio per svolgere attività di volontariato in modo continuativo ed esclusivo, certificato e documentato, presso organizzazioni non lucrative di utilità sociale, associazioni di promozione sociale, organizzazioni non governative che operano nel campo della cooperazione con i Paesi in via di sviluppo ed altri soggetti non lucrativi percependo il 70% dello stipendio con la garanzia di versamento dei contributi figurativi.

La disposizione è contenuta nell'articolo 72 della legge, approvata il 6 agosto 2008 e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 195 del 21 agosto 2008, supplemento ordinario n. 196 ed è valida per il triennio 2009-2011. Visto che la scadenza per la presentazione delle domande si avvicina, vediamo meglio cosa contiene l'articolo 72 e quali sono le istruzioni da seguire per inoltrare la domanda.

1) Le domande devono essere presentate entro il 1 marzo;
2) Per accedere a questa cosiddetta finestra, bisogna avere o compiere 35 anni (30 + 5) di servizio nell'anno di presentazione della domanda;
3) Per conoscere le modalità di inoltro della domanda è necessario rivolgersi direttamente al proprio datore di lavoro che è tenuto a fornire le informazioni necessarie;
4) Il pensionamento anticipato, ove, durante il periodo interessato, il dipendente svolga in modo continuativo ed esclusivo attività di volontariato, opportunamente documentata e certificata, da il diritto a percepire il 70% dello stipendio che riceveva prima, ovviamente il tutto previa comunicazione all'Amministrazione; 
5) Nei cinque anni di pensionamento, il trattamento economico resterà invariato ma nel contempo, verranno versati tutti i contributi pensionistici per la pensione definitiva;
6) Durante detto periodo si possono effettuare anche prestazioni lavorative previa comunicazione all'Amministrazione, aventi pero carattere occasionale e che non debbano ledere comunque l'immagine dell'Amministrazione stessa;
7) Durante il periodo predetto, l'Amministrazione non può revocare il provvedimento se non in caso di movimentazione generale;
8) I giorni di licenza maturati non essendo monetizzabili, devono obbligatoriamente essere fruiti prima dell'esonero;
9) Alla fine dei cinque anni, il personale ha diritto al trattamento pensionistico che sarebbe spettato se fosse rimasto in servizio.



Che ne pensate, è giusto che la legge si preoccupi di tutelare i dipendenti pubblici che, lodevolmente, si dedicano al volontariato garantendo il prepensionamento anticipato quando i genitori con figli disabili lottano da anni per ottenere lo stesso, necessario, diritto? Diteci la vostra nel FORUM


PER APPROFONDIRE:

Testo completo della Legge 6 agosto 2008, n. 133



IN DISABILI.COM:

Speciale LAVORO DISABILI

LEGGE SUL PREPENSIONAMENTO PER GENITORI DI DISABILI (mamma Marina risponde)

PREPENSIONAMENTO PER I FAMILIARI CHE ASSISTONO DISABILI GRAVI



Alessandra Babetto

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->