Menu

Tipografia

Ritrovare se stessi, ricostruire la propria esistenza, riscoprire il proprio ruolo nella società e vivere con la dignità e il rispetto a cui ogni persona ha diritto.
Per 26 persone con disabilità acquisita e congenita tutto questo ora e possibile, grazie ai percorsi formativi e motivazionali realizzati dal Progetto Integrato Praxis, finanziato dal Fondo Sociale Europeo, dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato da AECA (Associazione Emiliano Romagnola centri autonomi di formazione professionale).

Iniziato alla fine del 2002 e conclusosi in questi giorni, Praxis ha realizzato percorsi formativi per consentire l'accesso al mondo del lavoro a persone disabili, coinvolgendo le aree di Ferrara, Faenza e Ravenna.

"Ciò che distingue questo progetto dagli altri - hanno specificato Morena Sartori e Gabriella Orlandi, rispettivamente Responsabile Ufficio Progettazione e Project leader di AECA - è l'alta personalizzazione del percorso proposto, in cui sono state definite prioritarie le attitudini individuali, le aspirazioni e l'aspetto socio-relazionale delle persone che si sono avvicinate a Praxis".

A Ferrara, grazie alla costante sinergia tra il Centro Studi Opera Don Orione Città del Ragazzo e il Dipartimento di Riabilitazione dell'Azienda Ospedaliera e Universitaria, dieci adulti con disabilità acquisita (causata soprattutto da incidenti stradali) hanno affrontato 600 ore di formazione e percorsi motivazionali e di riabilitazione.
Un sostegno importante, non solo per i partecipanti stessi, ma anche per le famiglie e le persone che quotidianamente convivono con loro.
"Ogni persona ha un suo percorso assolutamente individuale di reinserimento e non un progetto globale di riabilitazione psico-fisica", ha detto la Dottoressa Anna Cantagallo del Dipartimento di Riabilitazione.
"Grazie al coordinamento settimanale tra noi e il Centro di Formazione siamo inoltre sempre in grado di seguire i progressi e le esigenze di ogni singolo partecipante".

A Faenza, grazie alla rete territoriale costituitasi tra Faenza Formazione e il Servizio Igiene Mentale di Ravenna e Faenza (SIMAP), dieci persone con disagio psichico  hanno affrontato 600 ore di formazione e percorsi motivazionali e di inserimento.
Engim Opera San Paolo di Ravenna, invece, ha accolto sei ragazzi e ragazze con disabilità congenita che precedentemente avevano già svolto un percorso di formazione professionale, per un totale di 800 ore di tirocinio formativo.

Non più quindi la sensazione di essere assunti perchè "diversi", ma la consapevolezza di essere competenti e adeguati al contesto occupazionale scelto.
come Riccardo, 34 anni  di Ferrara che, grazie a Praxis, ha scoperto una vera e propria vocazione per la grafica e sarà assunto a breve da un'azienda "Molte ditte temono ancora di assumere un disabile" ha commentato con un sorriso "Ma io sono molto fiducioso e, soprattutto, non vedo l'ora di ritrovare stabilmente la mia indipendenza economica e interiore".

"Quando mi hanno chiesto di aderire al progetto e di assumere un ragazzo disabile ero piuttosto titubante" ha confessato invece Marco Rossi, titolare dell'agenzia Distribuzione giornali F.lli Rossi di Ravenna.
"Ora però sono più che soddisfatto del risultato, tanto da non escludere ulteriori inserimenti di ragazzi con problemi di disabilità, se si ripresenteranno le condizioni favorevoli di questa bella esperienza".

I partecipanti al progetto Praxis sono stati ulteriormente motivati anche dall'indennità di frequenza di circa 3 euro orari prevista dal percorso, che ha consentito di apportare un concreto aiuto soprattutto nelle situazioni di disagio economico familiare.

INFO
Ufficio Stampa - Anna Sbarrai
Tel. 051 4229868

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->