Menu

Tipografia

Si avvicina l'inaugurazione del DiShow, la manifestazione fieristica interamente dedicata al pianeta della disabilità organizzata dal 28 al 30 marzo.
Per introdurci all'evento, che già vi abbiamo presentato con lo Speciale DiShow 2008, abbiamo interpellato il vice presidente della Provincia di Brescia, Aristide Peli.
Con l'occasione abbiamo chiesto all'assessore anche in che modo la Provincia bresciana si muove a favore delle persone con disabilità.
"Sono vari i settori provinciali che si muovono nella direzione di sostenere i diversamente abili - esordisce Peli -. L'ambito più di mia competenza è l'inserimento lavorativo: in questi anni siamo intervenuti sollecitando anche pesantemente le aziende che hanno l'obbligo di assumere persone disabili in base alla percentuale di dipendenti. Devo dire che i numeri ci danno ragione.
Nel 2006 erano 248 le nuove persone disabili che avevano trovato impiego.
Ma nel 2007 le cifre sono più che raddoppiate, superando quota 500.
C'è da aggiungere anche il mantenimento del posto di lavoro: 160 l'hanno mantenuto nel 2006, 400 nel 2007.
L'intenzione dell'amministrazione è proseguire su questa strada".


Ascolta l'intervista completa al vicepresidente della provincia

Ora proporrete questo impegno sull'ambito del lavoro, e anche gli altri fronti di intervento, con questa grossa manifestazione che è il DiShow, con la quale partite dal territorio bresciano, ma vi lanciate anche a livello nazionale.
Vuole un po' illustrarci i tratti salienti dell'evento?
"Sì, siamo alla quarta edizione, dal 28 al 30 di marzo. Già da tre anni crediamo in questa formula fieristica, che dà la possibilità alle associazioni di far conoscere quanto fanno sul territorio bresciano, in particolare per i diversamente abili: è giusto riconoscere questo loro importante ruolo.
Al contempo diamo la possibilità di incontrare le nuove tecnologie per i diversamente abili.
Questo binomio di associazioni e tecnologie caratterizza la proposta, a livello nazionale, entrando in un settore delicato come quello della disabilità".

Al Dishow non parteciperà solo l'assessorato al lavoro.
Ci ricorda Peli: "ci saranno anche i settori sport, istruzione, e ovviamente le politiche sociali, dove l'amministrazione mette gran parte delle risorse, ma anche per quanto riguarda i lavori pubblici e i trasporti.
Mi riferisco in particolare alle nostre campagne sulla sicurezza stradale".

L'invito conclusivo è dedicato ai destinatari del DiShow: "La fiera non è rivolta solo a chi è interessato dalla disabilità in prima persona, perchè a tutti può capitare, vuoi per un incidente, vuoi per una malattia o un infortunio sul lavoro, di vivere periodi di disabilità nella propria vita. Quindi l'argomento disabilità deve interessare tutti: per fare questo bisogna alzare il livello culturale, la coscienza ad esempio che l'abbattimento delle barriere architettoniche è una questione che riguarda non pochi, ma tutti".
Non resta che darci appuntamento al DiShow.

INFO:

Vedi il nostro Speciale DiShow 2008

A questo link puoi richiedere il biglietto omaggio

Provincia di Brescia
Via Cefalonia 50
Palazzo Martinengo Via Musei 32 - Brescia

Per approfondimenti vedi il sito ufficiale della Mostra - Convegno, DiShow.com
tel. 030961148
info@centrofiera.it


[Redazione

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->