Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia
scuola: bambino con zainoAnche l'Anffas si esprime sulla vicenda della scuola elementare di Mugnano (Napoli), dove sei famiglie hanno ritirato i loro figli da una scuola elementare a causa della presenza, nella medesima classe, di un alunno autistico. Così l'Anffas nel comunicato stampa:
 
"Quanto avvenuto alla scuola elementare di Mugnano, in provincia di Napoli, dimostra ancora una volta che l'inclusione scolastica è ancora lontana e che gli studenti con disabilità presenti nelle scuole italiane di ogni ordine e grado, sono ancora vittime di gravi discriminazioni". Si riferisce all'episodio accaduto nella scuola elementare di Mugnano il presidente nazionale di Anffas Onlus - Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, Roberto Speziale, scuola in cui nei giorni scorsi - a quanto si è appreso dai media - dei genitori avrebbero chiesto il cambio di sezione dei propri figli solo perché risultati in classe con un ragazzo con autismo ed in seguito, non avendo ricevuto il consenso dalla dirigente scolastica, avrebbero chiesto il trasferimento in un altro plesso.

"Se la vicenda si è realmente svolta così come spiegato dai giornali - continua il presidente - non possiamo che evidenziare per l'ennesima volta quanto da anni urliamo a gran voce, ossia che l'inclusione scolastica è ancora carente in gran parte del paese e che i diritti degli studenti con disabilità , di qualunque tipo essa sia, sono costantemente calpestati. Per ciò che concerne la disabilità intellettiva e/o relazionale, ed in questo caso particolare l'autismo, sono ancora poche le conoscenze che si hanno sui disturbi dello spettro autistico, lacune che portano spesso a stereotipi e pregiudizi ed a vedere addirittura la presenza di una persona con autismo in classe come un disturbo o, peggio, un pericolo".

"E' importante ricordare che nel percorso scolastico gli alunni con disabilità e le loro famiglie non sono e non debbono essere soli: una parte fondamentale è rappresentata, oltre che dagli operatori scolastici, dai compagni di scuola e dalle loro famiglie, con i quali è importantissimo stabilire relazioni e percorsi volti alla piena inclusione sociale. Percorsi e relazioni che sono utili alla collettività : se una scuola, un ambiente, sono inclusivi e non discriminano, sono migliori per tutti, a prescindere dalle caratteristiche di ognuno. E nella scuola - così come nel mondo - di oggi di caratteristiche per le quali si può essere esclusi o discriminati ve ne sono davvero moltissime: la condizione di salute, lo stato sociale ed economico, la nazionalità e la provenienza geografica, le scelte religiose, etc".

"La logica conseguenza è che se educhiamo i nostri i figli alla discriminazione - come in questo caso i genitori coinvolti stanno facendo - , oltre a violare i diritti di moltissimi cittadini, ci condanniamo tutti a vivere in un mondo terribile".

Conclude: "Manifestiamo piena solidarietà alla famiglia coinvolta e alle figure scolastiche che hanno difeso lo studente discriminato e auspichiamo un intervento deciso degli organi competenti per evitare che episodi simili possano ripetersi e che si possa invece lavorare insieme per favorire una piena inclusione degli alunni con disabilità e una cultura che porti a vederli per ciò che essi sono: non un ostacolo, ma persone con gli stessi diritti degli altri".

Anffas Onlus

Per info:

Anffas Onlus
www.anffas.net


IN DISABILI.COM:

DA NORMALE A SPECIALE. MIO FIGLIO CON SINDROME DI DOWN E LA SCUOLA