Menu

Tipografia
invalidit_civileQuasi una pensione di invalidità su tre, in Italia, ovvero il 27%, è determinata dall’artrite reumatoide. L’allarme sui costi sociali dell’artrite reumatoide è stato lanciato dagli specialisti in malattie reumatiche in occasione del convegno €˜Malattie reumatiche: verso una terapia dal volto umano‑¬. L’artrite reumatoide €˜è una malattia subdola ‑¬â€˜ spiega Giovanni Lapadula, ordinario di reumatologia all’università di Bari ‑¬â€˜ con dolori articolari che tendono a persistere per più mesi, un sintomo che deve suscitare allarme, soprattutto nelle donne. Inoltre l’evoluzione grave della malattia porta a invalidità , con pesanti conseguenze economiche e sociali‑¬. L’artrite reumatoide affligge circa 21 milioni di persone nel mondo, di cui 400mila in Italia. L’OMS prevede un ulteriore incremento della patologia, come conseguenza dell’invecchiamento della popolazione. La malattia solitamente insorge in soggetti di mezza età , ma colpisce anche bambini e giovani adulti, mentre le donne sono mediamente colpite 2-3 volte più frequentemente degli uomini. Se non monitorata e non trattata per tempo, l’artrite reumatoide può condurre a gravi deformità articolari, nel 70-80% dei casi. Il dato delle invalidità dovute all’aggravarsi delle condizioni di salute di chi è colpito da artrite reumatoide, per gli esperti può essere contrastato con l’aiuto dei medici di medicina generale come sottolinea Lapadula. €˜Il medico di famiglia, in presenza di infiammazione, dolore e tumefazione di tre o più articolazioni per più di tre mesi, può già porre l’ipotesi diagnostica di artrite reumatoide e inviare il paziente al reumatologo. Così da iniziare un’adeguata cura‑¬. Uno dei problemi più invalidanti per le persone colpite da artrite reumatoide è la perdita di forza delle mani. €˜Si può arrivare a non poter alzare nemmeno un bicchiere d’acqua ‑¬â€˜ afferma il reumatologo ‑¬â€˜ oggi però abbiamo armi efficaci come i farmaci biologici in grado di bloccare il danno articolare, prevenendo l’inabilità ‑¬.

Fonte

Per approfondire:
RICONOSCIMENTO INVALIDITA’ CIVILE

[Redazione]