Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia

Buonasera, ho un fratello disabile che ha l'atassia cerebellare dal 2007. Attualmente non cammina più, ha il catetere vescicale permanente ed è alimentato artificialmente. Adesso il nostro problema è che il catetere gli provoca continue infezioni che adesso sono debellabili e neanche è sicuro con antibiotici ospedalieri. Volevamo provare a farglielo togliere però all'ospedale lo tengono neanche 2 ore  e lo mandano a casa; cosa possiamo fare? Il neurologo dice che non dipende dalla sua malattia ma che si è addormentata la vescica.

L.

La risposta dell'esperto

Buongiorno, purtroppo il catetere vescicale permanente ha questo tipo di conseguenze, il consiglio che mi sento di dare è quello di provare a parlare di questo problema del fratello con un buon urologo, magari suggerendogli di provare a utilizzare dei cateteri per cateterismo ad intermittenza (imparerete voi a praticarglieli), questa manovra infatti permette di svuotare la vescica ad intervalli prestabiliti e comporta meno rischi di infezioni ripetute rispetto al catetere fisso.

Distinti saluti,
Marco Della Valle
Coloplast S.p.a.

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy