Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia

Sono paraplegica e ho 61 anni e dopo 17 anni di cateterismi non ne posso più e ho deciso di tenere il catetere fisso cambiandolo ogni 15 giorni, questo anche perché ho dovuto mettere la stomia al fianco sinistro perché avevo l'intestino troppo lungo e me ne hanno tagliato un pezzo. L'urologa ha dovuto accettare la mia decisione purché una volta all'anno faccia il pap-test vescicale. È giusto o vado incontro a qualche altro problema? Grazie
F.

La risposta dell'esperto

Buongiorno, come le avrà spiegato l’urologa che la ha in cura, al momento attuale, il trattamento migliore e con minori rischi collaterali dei problemi vescicali come quelli da cui è affetta lei è sicuramente quello che prevede lo svuotamento vescicale con l’autocateterismo. Per essere onesti i problemi legati all’utilizzo di un catetere fisso sono numerosi e incidono negativamente sulla qualità della vita - pensi alle frequenti infezioni alle vie urinarie con correlati episodi di febbre e bruciori e assunzione di antibiotici oltre che ad una progressiva atrofia della sua vescica. È altresì comprensibile il suo sconforto, anche considerando il fatto che è anche portatrice di una stomia - tenga presente però che la moderna tecnologia produttiva ha permesso di avere a disposizione prodotti - come cateteri e sacche/placche da stomia - che sono sempre più semplici da utilizzare e minimamente invasivi, quindi prima di rendere questa sua scelta definitiva provi a valutare tutto ciò che aziende come Coloplast le possono proporre.

Distinti saluti,
Marco Della Valle
Coloplast S.p.a.

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy