Menu

Tipografia

Gent.ma Marina,
Ho sentito parlare del peristeen, ma non riesco a capire quanto mi possa aiutare per la mia stipsi. Ora faccio lo svuotamento con supposta e clistere, assunzione tutti i giorni di movicol (1 la sera) e psyllogel (2 al giorno). Ho l'addome molto gonfio di aria, perchè ritengo che nonostante mi svuoti abbastanza, l'aria rimanga.
Sono tetraplegico in carrozzina da 4 anni per rottura totale C7 per caduta dalle scale.
Ho cercato su internet informazioni, ma vedo che ci sono tantissime richieste come la mia. Ho letto un articolo del dott. Bazzocchi, ma la vera dinamica dell'uso del peristeen non l'ho capita.
Mi può aiutare? Tante volte ne sanno più gli operatori che i medici.
La ringrazio molto, e la saluto cordialmente.
F.T.

La risposta di MammaMarina

Carissimo F.

Può consultare il link del sito della coloplast successivamente postato, le potrebbero dare informazioni più specifiche, e poi potrebbe inserire il suo quesitonel forum Amici di questo sito, sono in molti a avere usato questo sistema per svuotare l’intestino e potrebbero darle le loro opinioni da addetti ai lavori, sono sicura le loro indicazioni le sarebbero molto utili.

http://www.coloplast.it/products/continencecare/productfamily?commcategory=Peristeen%28Coloplast%29&cat=Italy

cordiali saluti,
Marina

 

Per conoscere meglio Peristeen leggi anche la nostra intervista al dottor Bazzocchi, primario della prima struttura di riabilitazione gastroenterologia in Italia

 

************

 

Buon giorno, Mamma Marina, a Te e tua figlia.
Grazie per l'informazione sul peristeen.
Avrei una curiosità da soddisfare, anzi due:
- la proposta di assegno di accompagnamento uguale a quello dei non vedenti, che esito ha avuto?
- è vero che in alcune regioni non viene trattenuto in caso di ricovero?
Grazie infinite per la tua generosità .
Cordiali saluti


La risposta di MammaMarina

Carissimo F.
attualmente le indennità riconosciute alle persone con disabilità motoria e ai non vedenti non sono state equiparate e credo dato il difficile momento che stiamo attraversando economicamente che ci vorrà ancora molto tempo prima di riuscire a avere nuove opportunità per le persone con disabilità , è necessario il coinvolgimento di tutte le persone e le famiglie che vivono questa esperienza per cercare di cambiare socialmente la visione di questo importante argomento.

Non specifica a quale ricovero si riferisce, per il ricovero in struttura ospedaliera per cure non viene sospesa se alla famiglia viene richiesta la presenza per assistere la persona disabile, in ogni caso se il ricovero non supera i 29 giorni l’indennità non viene sospesa .

L’indennità è riconosciuta anche se si è ricoverati in RSA (residenza sanitaria assistenziale) se si partecipa alla spesa per la retta .

Bisogna vedere le normative regionali e se eventualmente è stato segnalato correttamente il ricovero con la modulistica che annualmente l’INPS invia a domicilio. 

Cordiali saluti,
Marina

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->