Menu

Tipografia

logo super-abili dayOspiti dell'evento: Giusy Versace, Fabrizio Macchi, Pamela Novaglio, Luigi Bertanza e tanti altri

Una giornata "diversamente sportiva" dedicata alla sensibilizzazione nei confronti della disabilità , con l'obiettivo di promuovere integrazione e inclusione sociale attraverso lo sport, in particolar modo tra i più giovani: questo in sintesi il "Super-abili Day", l'evento realizzato con il supporto dell'assessorato allo Sport e Giovani di Regione Lombardia e con il patrocinio di Provincia di Brescia e Comitato Italiano Paralimpico   che ha visto la sua prima edizione a Brescia lo scorso 17 dicembre.

      
L'iniziativa era stata presentata a Palazzo Broletto dall'assessore regionale allo Sport Giovani Monica Rizzi, insieme con l'assessore provinciale alla Pubblica Istruzione e Università Aristide Peli, il presidente dell'associazione Icaro Onlus Luca Savardi e il responsabile relazioni esterne del CUS Brescia Paolo Dosselli.


"L'idea di una giornata interamente dedicata ai 'Super - abili', ovvero a tutti quegli atleti diversamente abili quotidianamente impegnati nella pratica delle più svariate attività sportive - ha dichiarato l'assessore Rizzi - è nata con il duplice obiettivo di promuovere l'inclusione sociale e di incentivare, proponendo modelli, esperienze e modalità concrete, la pratica sportiva tra i più giovani ed in particolare tra i ragazzi diversamente abili, dei quali solo l'1 per cento si dedica con costanza allo svolgimento di un' attività sportiva. Un dato  che Regione Lombardia punta almeno a raddoppiare nei prossimi anni. In quest'ottica, il Super-abili Day è rivolto proprio a quel restante 99 per cento dei ragazzi diversamente abili che non pratica attività sportiva".

"La Provincia - ha affermato l'assessore Peli - ha aderito con entusiasmo all'iniziativa sia per il suo elevato valore sociale che per la sua trasversalità , interessando studenti e atleti delle scuole superiori, normodotati e diversamente abili, che saranno al contempo interlocutori privilegiati e attori della manifestazione".

L'evento, aperto a tutti ad ingresso libero, si è sviluppa infatti in due fasi distinte e tra loro complementari: una prima fase divulgativa e di riflessione ed una seconda di "scontro" ed "incontro" sul campo. A scandire i due momenti la loro suddivisione temporale e la differente caratterizzazione spaziale.

In mattinata, a partire dalle ore 10.00 e fino alle 12.30, presso l'Aula Magna dell'ITC Abba, gli studenti delle scuole bresciane hanno incontrato, insieme all'assessore regionale Rizzi e al presidente della Provincia Molgora, alcune eccellenze dello sport disabile: da Giusy Versace a Fabrizio Macchi, da Pamela Novaglio a Luigi Bertanza, solo per citarne alcuni.

Nel pomeriggio invece, dalle 17.00 alle 19.00, presso il Palazzetto dello Sport della Facoltà di Scienze Motorie, si sono svolte alcune esibizione sportiva di atleti disabili, due partite amichevoli tra squadre giovanili del CUS e una gara che ha visto protagonisti, insieme, atleti normodotati del CUS e atleti disabili. Un esperimento che punta a mettere in evidenza il valore dello sport disabile e l'eccellenza dei gesti atletici specifici e di estremo valore tecnico.


"Sono proprio questi atleti 'Super-abili' - ha concluso l'assessore Rizzi - i testimonial più efficaci del grande valore dello sport quale fondamentale veicolo di integrazione. Questi ragazzi con il loro esempio dimostrano inoltre che la pratica sportiva può davvero diventare un'opportunità per esprimere pienamente sé stessi superando, anzi valorizzando, la propria diversa abilità ".


INFO:
http://www.superabile.it


IN DISABILI.COM:

V° EDIZIONE DELLA GIORNATA DELLO SPORT PARALIMPICO A VICENZA E IN TUTTA ITALIA


EQUITABILIE: CON I CAVALLI NON SOLO IPPOTERAPIA



Redazione