Menu

Tipografia
logo sono scomodoL'editore Antonello Cassan di Libero di Scrivere lancia il progetto Sono scomodo, per dare spazio ai volti "scomodi" della società

Essere disabili talvolta può significare essere scomodi. Si è scomodi agli occhi di chi ci vede fisicamente imperfetti, scomodi di fronte a chi si infastidisce alle nostre difficoltà , scomodi a chi, non comprendendo, ci scansa indifferente. Il soggetto scomodo è un soggetto che, tuttavia, proprio per il suo essere in qualche modo "ingombrante", occupa spazio, che può essere spazio di voce e idee fuori dal coro. Lo scomodo disturba, ma muove le acque, semina dubbi,  incrina certezze e apre varchi di riflessione.
Una pecora nera, si potrebbe dire.

Ed è proprio una pecorella nera come la pece il simbolo del progetto editoriale "Sono scomodo", promosso e lanciato da Liberodiscrivere. Si tratta di una pubblicazione, virtuale e cartacea, che intende proporre al pubblico singoli individui scomodi per motivi contingenti o per scelta. Al di là di megafoni politici, dai quali il progetto rifugge, questa iniziativa intende dare spazio alla cosiddetta "scomodità ", parlando di quelle persone che - comuni e di qualsiasi settore - non sono facili da incasellare in una delle tante etichette politicamente corrette o socialmente allineate.

La scomodità , per l'editore, è il germoglio del futuro, un potente afrodisiaco, il prodromo della libertà , la cura alla depressione, una buona soluzione per i kili in eccesso, essere la minoranza, la salvezza da tutti coloro che sono, univocamente, soggetti agli "ismi" e a tanto altro ancora.
Maria GaraventaEcco dunque che ogni settimana viene pubblicata, con motivazioni, una fotografia di uno scomodo o scomoda sia su www.liberodiscrivere.it sia su Sono Scomodo Facebook.
La missione? Pubblicare il libro "sono scomodo", realizzare una mostra itinerante e produrre una informazione virtuale che continui. Al momento sono stati "certificati" 5 scomodi, tra i quali Stefano Mantero: "è cieco e vede tutte le sfumature dell'arcobaleno, della vita e meglio di tanti con dieci decimi"; e ancora, Maria Garaventa "principessa di un regno dove vince la "vita", ogni giorno, per tutti, e con il suo sorriso" ecc.

Scomodo e scomoda potresti essere anche tu. Cinquantadue scomodi/e, entro la fine del 2013, saranno in un libro e in una mostra fotografica itinerante.  chi pensa di essere scomodo/a, quanto basta, può proporsi all'editore E INVIARE IL SEGUENTE MATERIALE:
SCOMODI MIEI: descriva con ironia in cosa è scomoda la sua vita e cosa è la scomodità per lei cercando di essere il meno autoreferenziale possibile.  Indicare il segno zodiacale e la tendenza politica. (Il testo di circa 800 caratteri).
FOTOGRAFIE: 6 foto ritratti, (2 orizzontali, 2 verticali, 2 quadrati) ottenuti con il magistero dell'arte, rigorosamente in bianco e nero di elevata qualità . Indichi l'autore degli scatti.
HIC SUNT: in che ambiente si propone? Cultura, Società , Arte, Letteratura, Cucina, Musica, Economia, Istruzione, Agricoltura, Turismo, Musica, Lavoro, ‑¬¦ altro.
AD UNGUEM suggerisca tre personaggi scomodi di ogni genere e di ogni tempo.
AD BESTIAS: indichi tre individui da sempre troppo comodi.
ROMPITUBE: può registrare un filmato di max 1 minuto in cui  dice perché è scomodo, e lo inserisce su YOUTUBE noi metteremo il link alla pubblicazione virtuale.

...Siate scomodi, sempre!


PER INFO:

Sono scomodo
Sono scomodo su Facebook
 Mail:  sonoscomodo@Liberodiscrivere.it

(foto tratte dal sito di Liberodiscrivere)

Francesca Martin


Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->