Menu

Tipografia

locandina l'estate di giacomoDopo l'uscita e il successo registrati in Francia, il film approda nelle sale italiane

Cosa significa essere un adolescente, lo sappiamo tutti: turbolenze ormonali, prime delusioni, la voglia di essere già grandi‑¬¦ma cosa significa essere un adolescente che da sordo passa a sentire? Tutto è amplificato, la scoperta si moltiplica, si esalta, lascia storditi il doppio. E' quello, in estrema sintesi, quello che ci racconta Alessandro Comodin, regista friulano trasferitosi a Parigi, che con il suo lungometraggio "L'estate di Giacomo" sta già riscuotendo ottimi successi e paragoni importanti in Francia.

Il film racconta, o meglio, documenta, la vicenda reale e personale di Giacomo, ragazzo di San Vito al Tagliamento, sordo dall'età di nove mesi a causa di una meningite. Il regista, che conosce Giacomo fin da piccolo in quanto fratello del suo migliore amico, non ha fatto altro che essere presente, filmando tutto l'anno precedete all'operazione alla quale il ragazzo ha voluto sottoporsi, una volta maggiorenne, e l'anno successivo, per poi procedere col montaggio. 

Quello che abbiamo, quindi, è un prima e un dopo, in cui il dopo è un insieme di scoperte sensoriali che si intrecciano in un amalgama perfetto con quelle emotive ed emozionali. Giacomo, infatti, è un ragazzo che sta diventando uomo, e questo suo tornare a sentire, va di pari passo con una  sorta di inizio di una nuova vita da adulto. Un affacciarsi alla vita, un incontro inedito col mondo, con la natura e con l'amore.

Il film, dunque, lungi dall'essere fiction pura, è racconto di una storia reale, con presa diretta dei momenti di "scoperta" di Giacomo: in primis la natura,  con le camminate con l'amica Stefania nei boschi del Friuli e sulle rive del Tagliamento, e poi l'amore, con l'entrata in scena di Barbara, una ragazza sorda che parla con più difficoltà di lui.

Dopo aver vinto il Pardo d'Oro al Festival di Locarno, nella categoria "Cineasta del presente", e un'ottima accoglienza in Francia - il film è uscito ai primi di luglio - dove si sono scomodati paragoni con la Nouvelle Vague, il film, interamente sottotitolato, arriva anche in Italia.


Questo il trailer del film:





PER INFO:

www.tuckerfilm.com



IN DISABILI.COM:


NE IL MONDO PER TUTTI LA DISABILITA' DIVENTA UN FILM

EUTANASIA. IL FILM DI BELLOCCHIO ALLA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA



Redazione


Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->