Menu

Tipografia

Che immagini ci si aspetta in un calendario?
Panorami rilassanti ? Visti e rivisti. Tranquillizzanti vedute di città d'arte?
Troppo banali! Ah, ecco, abbiamo trovato: tette e culi. Le godurie cartacee di sederi torniti  e seni
maggiorati in  pose-posizioni sapienti sono di moda. Tirano i culendari, eccome se tirano.
E invece no! Nel calendario di cui  vi vogliamo parlare c'è altro.
Specie per quelli che incontrando un disabile, si girano dall'altra parte disturbati, c'è proprio dell'altro. Ci sono pugni nello stomaco. Sotto forma di foto in bianco e nero.

Gennaio, foto di una bella. sedia a rotelle con tanto di passeggero paraplegico. E non è una foto finta, costruita in un set  fotografico.
Perché mostra  la realtà, la disabilità con cui tutti i santi giorni  deve convivere il protagonista della foto, Totò Allegro, da trent'anni in carrozzina.
Totò non si vergogna della sua disabilità,  quasi la esibisce davanti al fotografo con uno scopo ben preciso: quello di ricordare a tutti i "normali" che l'handicap c'è e chi ce l'ha  se lo tiene tutti i  365
giorni del calendario, feriali e festivi. 
E con lo scopo di ricordare  alla società civile che deve tenere presenti anche le esigenze dei disabili.

Disabili-com: Calendario gennaio e febbraio 
Gennaio - Febbraio

L'idea di questo Calendario speciale nasce e si sviluppa a Sciacca Terme, in provincia di Agrigento. E' una iniziativa promossa dalla ONLUS "Agape" che nella copertina, per l'anno 2003, ha voluto scrivere appunto «Auguri speciali da persone speciali».
Il calendario viene ceduto ad offerta libera e col ricavato si comprerà un pulmino attrezzato per il trasporto dei disabili.

In alcune immagini c'è  anche splendida auto-ironia: se state annegando in mare, pensate che vi possano salvare due bagnini, uno cieco e l'altro paralitico?
(Volutamente non abbiamo usato "non vedente" e " non deambulante" anzi "non nuotante!"; perché non basta usare parole edulcorate per mettersi la coscienza a posto, ci vuole ben altro ad addolcire un po' l'amaro di un handicap, ci vuole solidarietà concreta).
Vi possono salvare, dicevamo, due bagnini così?  Neanche per scherzo! Ma loro, Mimmo Caracappa (che non vede da 42 anni) e Totò Allegro, ci scherzano col loro handicap.
E si fanno fotografare nei panni di  addetti al salvataggio. Con tanto di imbarcazione.

Disabili-com: Calendario luglio e agosto 
Luglio - Agosto

La pubblicazione, che potremmo chiamare "Calendicap 2003", vuole essere anche protesta e proposta: ci sono le foto-vergogna, di barriere architettoniche ancora  presenti e possenti.
Non mancano gli esempi reali di barriere abbattute con molta sensibilità e poca spesa.
Immagini da appendere al muro. Ma anche immagini-denuncia per  mettere con le spalle al muro chi
ha pubbliche responsabilità nell'abbattimento delle barriere architettoniche, specie negli edifici pubblici.

Il calendario con le sue  immagini, che sono state  tutte realizzate gratuitamente dal fotografo Salvatore Assenzo, è anche educazione alla sicurezza stradale.
E convince con la forza della testimonianza diretta: Totò che è in sedia a rotelle per un incidente in moto, si fa fotografare tra due centauri indossando  il casco e così ne raccomanda l'uso.

Disabili-com: Calendario maggio e giugno 
Maggio - Giugno

C'è anche serenità e gioia di vivere: la partecipazione al famoso Carnevale di Sciacca, l'immagine di una coppia che si scambia tenerezze, i bagni in piscina, l'allegra grigliata.
Oltre alle foto, ogni mese uno spunto di riflessione.
Come la  frase di Confucio «La nostra gloria più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarci sempre dopo una caduta» o quella di Follereau   «La cosa più bella che puoi fare per te è fare qualcosa per gli altri».

C'è poi un'istantanea tenerissima con una dolcissima bimba Down abbracciata all'arcivescovo di Agrigento, Carmelo Ferraro: la mantellina di Ferraro sollevata  da un vento impertinente  è ricaduta sulle teste di tutti e due e sembra un  riparo.
Che è un po' come il riparo che ognuno di noi ha per proteggersi  dalle sventure che gli possono capitare nella vita: un riparo di pezza.
Ma la bimba e l'arcivescovo, sotto lo stesso tetto e sotto lo stesso Cielo, sorridono, lieti.
Di una letizia che si chiama solidarietà e condivisione.

Per Info
Associazione di volontariato per disabili "Agape" ONLUS
via Giovanni XXIII, 1
92019 Sciacca  (AG)

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->