Menu

Tipografia

Speriamo che anche il sole risplenda domenica 5 ottobre a Padova, perché Piazza delle Erbe sarà allietata dalla presenza non delle bancarelle che ogni giorno animano il mercato cittadino, bensì da quelle allestite dalle Associazioni che in Provincia si occupano di disabilità.

Visto il successo delle due passate edizioni (solo l'anno scorso si è vista la presenza di 11.000 ospiti), infatti, per il terzo anno consecutivo si terrà la manifestazione "Solidarietà in Piazza - promozione dei diritti delle persone con disabilità".
Dalle 10.00 del mattino fino alle 20.00, le Associazioni daranno dimostrazione dei propri lavori di artigianato e dei diversi laboratori artistici.
Ricco il programma, che prevede appunto musica e spettacoli (artigianato e arte, laboratori per tutti).
I più piccoli saranno coinvolti in giochi di varia natura dal Mappaluna - Parco Giochi e Ludoteca.
I più golosi, invece, potranno soddisfare il proprio palato presso gli stand gastronomici della Cooperativa Polis Nuova Lavoro.
Dalle 15.00, il pomeriggio sarà acceso da spettacoli di danza e di animazione.
Infine, la giornata, alle 18.30, sarà chiusa da un grande concerto di musica gospel e di musica funky.

Simbolo della manifestazione sarà la frutta, che su gentile concessione del Gruppo Grossisti Ortofrutticoli di Padova, verrà distribuita, assieme ad un simpatico segnalibro, per raccogliere fondi.

Solidarietà in Piazza può essere sì inserita nell'ambito dell'Anno Europeo delle Persone Disabili, ma va interpretata anche in un'ottica distaccata, perché è stata organizzata per dare alle famiglie quello che chiedono: sarà cioè una giornata di festa, che servirà soprattutto per far conoscere il lavoro delle tante persone disabili che la vivranno da protagoniste.

"Deve essere un momento di crescita per l'intera Comunità: le persone disabili, infatti, non devono più essere considerate solo come delle persone con inabilità, né come persone da reintegrare nella società, perché ne fanno già parte.
Sono invece ricche di risorse da offrire
", ha detto durante la Conferenza Stampa di presentazione, aperta dall'Assessore ai Servizi Sociali Marco Marin e dall'Assessore alle Politiche Sociali Antonio De Poli, la signora Mazzini, Presidente del C.E.O.D. dell'Ulss 16.
Per questo i laboratori e le diverse attività sono aperte a tutti.
Anche Marisa Pagnin, rappresentante delle Associazioni per le Famiglie, ha portato la sua testimonianza: "Questa giornatà di solidarietà deve contribuire a dare visibilità al problema della diversabilità intellettiva, presentando in positivo i nostri ragazzi".

Disabili-com: logo Comune Padova          Disabili-com: logo Regione Veneto          Disabili-com: logo ULSS 16

La manifestazione è stata resa possibile grazie allo sforzo comune della Regione Veneto, del Comune di Padova, dell'Ulss 16, del Centro di Servizio per il Volontariato, dalle Associazioni e dal C.E.O.D.
Padova e la sua Provincia, infatti, sono particolarmente attivi in questo campo, dove 20 sono i C.E.O.D attivi per i disabili e 11 le Comunità Alloggio, dove dal 2000 è attivo l'InformaHandicap (www.padovanet.it/serv-soc/index.htm).
Per non parlare, poi, dell'impegno costante degli obiettori e, soprattutto, delle famiglie.
E su questa strada bisogna continuare, "rafforzando la rete tra i diritti pubblici e quelli privati", come ha voluto sottolineare l'Assessore De Poli, in quanto "le barriere da abbattere non sono solo architettoniche, ma anche culturali".

Domenica, perciò, il motto di tutti dovrà essere… "esserci!".

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->