Menu

Tipografia

In sella ad una moto o ad una bici.
Su un modello a due ruote moderno o d'epoca.
In ogni caso, con un grande obiettivo da sostenere: promuovere la ricerca e la raccolta di fondi per sconfiggere il cancro. Sono questi i punti cardine di "Due Ruote a Piazzola sul Brenta", prima edizione di una iniziativa che si sviluppa attorno ad una mostra di cicli e motocicli, ad un motoraduno e alla pedalata "Corri per le Rose".
Ma tra i protagonisti di questo appuntamento, che si svolgerà il 13 e il 14 maggio nella provincia di Padova, c'è anche la solidarietà, intesa come sensibilizzazione verso la lotta e la ricerca contro il cancro. In particolare, l'incasso del moto incontro e della biciclettata verrà devoluto alla "Città della Speranza", la fondazione che opera a favore dei bambini colpiti da malattie tumorali e delle loro famiglie.

"Corri per le rose", in programma nella mattina del 14 maggio, è una pedalata non agonistica che si ispira alla "Ride for the Roses", manifestazione di solidarietà organizzata ogni anno in Texas dalla Lance Armstrong Foundation con l'intento di raccogliere fondi per la ricerca sul cancro.
La pedalata è aperta bambini, famiglie, ciclisti, appassionati di ciclismo, e a tutti coloro che vogliono lanciare un messaggio di solidarietà e di sostegno verso chi quotidianamente deve affrontare la malattia.
Per questo sono invitate a partecipare anche le persone che hanno vissuto e sconfitto il cancro: perché la loro presenza simboleggi la forza di superare le difficoltà più dure della malattia arrivando così alla vittoria.
Insieme, dunque, queste persone saliranno sulle loro bici, per rendere onore a chi sta combattendo contro il cancro e in ricordo di chi non ce l'ha fatta.
Tutti insieme percorreranno un tragitto che partirà e arriverà nella piazza di fronte alla suggestiva e imponente Villa Contarini di Piazzola.
E al traguardo, i partecipanti che in passato hanno dovuto affrontare un tumore riceveranno come ricordo una rosa, simbolo della corsa e del suo impegno solidale.

Per quanto riguarda gli altri appuntamenti di questa "due giorni", la mostra "Due ruote nella storia" è un'esposizone-scambio pensata per mostrare al più vasto numero di visitatori le soluzioni tecnologiche adottate dall'industria ciclistica e motociclistica del passato. Un percorso storico per conoscere e apprezzare il concetto di "Made in Italy a due ruote", sinonimo di qualità e pregio.
Alla mostra saranno presenti anche due commissioni che daranno una valutazione tecnica, storica ed economica dei pezzi esposti.
C'è poi il moto incontro, aperto a tutti i proprietari di motociclette, moderne e d'epoca.
Dopo il percorso in programma al mattino di domenica 14 maggio, al pomeriggio saranno protagoniste solo le moto d'epoca, impegnate nella rievocazione storica del circuito cittadino di Piazzola che si correva negli anni Cinquanta.

Tra le associazioni coinvolte nell'organizzazione e promozione di questo appuntamento fatto di bici, moto e solidarietà, compaiono anche celebri nomi dello sport, tra cui: Silvio Martinello, ex campione del mondo ed olimpionco di americana a coppie; Dorina Vaccaroni, ex campionessa mondiale ed olimpionica di fioretto individuale e a squadre; Simone Cercato, campione olimpico nella staffetta 200 metri ad Atene.
E chissà, magari il vostro vicino di pedalata potrebbe essere proprio uno di questi sportivi...

Sito del Comitato Organizzatore dell'iniziativa (per informazioni e iscrizioni al moto incontro e alla pedalata)

Città della Speranza

Lance Armstrong Foundation

Ci siamo occupati di un'iniziativa a favore della "Città della Speranza" anche in questo articolo:
LA CITTA' DELLA SPERANZA 'MARCIA' VERSO L'EUROPA

Abbiamo scritto di "due ruote" e solidarietà anche in questo articolo:
MOTOCICLISTI: GENTE ‘FUORI’, CON UN CUORE GRANDE COSI’

[Roberto Bonaldi]

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->