Menu

Tipografia

Si parla sempre tanto di abbattere le barriere architettoniche e culturali, e poi si scopre che qualche volta anche chi dovrebbe stare dalla parte dei cittadini “ci mette del suo”.
Ma veniamo ai fatti.
Ci siamo imbattuti per caso in un articolo, pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno il 12 dicembre 2003, in cui si parlava di una denuncia per diffamazione a carico di Domenico De Pasquale e Fabio Nunzio, meglio noti come Fabio e Mingo, gli “inviati speciali” del Tg satirico Striscia la Notizia (se vuoi leggere l’articolo clicca qui).
Beh, direte voi, una denuncia tra le tante.
Sì, ma l’articolo ha attirato la nostra attenzione perché si parlava di disabilità.

Quindi, ci siamo chiesti, perché non chiedere ai diretti interessati?
E così abbiamo contattato Fabio e Mingo che a Disabili.com sono di casa (leggi l’intervista nel nostro ‘Angolo Vip’).

Fabio e Mingo ci hanno spiegato che, oltre ad essere gli inviati speciali di Striscia, lavorano anche per un’emittente regionale pugliese, Telenorba, in cui tengono un monologo in chiave satirica.
Il caso in questione nasce proprio in seguito a uno di questi monologhi, andato in onda dopo aver  visionato un video di un videoamatore, filmato nel cimitero di Corato, paese in provincia di Bari, e risalente alla ricorrenza della celebrazione dei defunti di qualche anno fa.
Il 2 novembre, si sa, c’è un’affluenza maggiore al cimitero, proprio perché è il giorno in cui si commemorano i propri cari venuti a mancare.
Anche il protagonista del filmato, una persona disabile in carrozzella, evidentemente ha voluto fare altrettanto.
L’ingresso principale del cimitero di Corato presenta degli scalini, che però si possono facilmente aggirare accedendo dall’ingresso secondario riservato ai portatori d’handicap.
Quel giorno, ad impedire l’accesso da questo ingresso, c’era un tutore dell’ordine, il maresciallo capo, attuale tenente dei vigili urbani di Corato.
Il motivo? A detta del vigile (e lo testimonia il video) le persone disabili quel giorno, per un’ordinanza comunale e PER MOTIVI DI ORDINE PUBBLICO (?!?, se qualcuno ce li spiegasse, ndr), non potevano usufruire dell’ingresso a loro riservato.
Per questo il disabile in questione si è fatto aiutare da altre persone a superare gli scalini in ingresso ed è stato sollevato di peso con la carrozzina, “come fosse un sacco di patate”.
Passi che per motivi di ordine pubblico l’ingresso fosse quel giorno chiuso, passi che il vigile dovesse far rispettare l’ordinanza, ma ciò che ha veramente indignato Fabio e Mingo è stato il mancato aiuto a questa persona da parte del maresciallo.
In questo caso – ci dicono Fabio e Mingo – non avremmo ritenuto l’atteggiamento così grave”.

Perciò è andato in onda il monologo incriminato, in cui si è voluto dare risalto quanto successo, definendo l’episodio frutto dell’ottusità, di qui la definizione “cretino”, non certo riferito al Corpo di Polizia Municipale, ma alla persona che in questo frangente ha agito al di fuori di qualsiasi regola dettata dal buonsenso.

Offeso, il vigile ha però deciso di passare ai fatti ed è scattata la denuncia a carico dei due perché, durante la trasmissione televisiva, il maresciallo sarebbe “stato fatto oggetto di una serie di offese ripetute”.
Secondo quanto ha affermato il suo difensore, “le parole di troppo eccedono sia il diritto di cronaca che quello di satira”.

Non resta ora che attendere giovedì 11 marzo, giorno in cui è stata fissata l'udienza penale a carico di Fabio e Mingo, che dovranno rispondere del reato di diffamazione in concorso nei confronti del vigile urbano di Corato: a giudicarli sarà il Tribunale di Ruvo di Puglia. Se passate di lì, fatevi vedere, e soprattutto sentire. 

Noi della Redazione di Disabili.com ci chiediamo: NON bastano le macchine che occupano abusivamente i parcheggi riservati, usando anche contrassegni falsi?
NON sono sufficienti gli scalini presenti un po’ ovunque, NON ne abbiamo abbastanza di marciapiedi troppo alti, di porte troppo strette?
Forse che qualcuno ancora non si è accorto che, per i disabili, cinema, teatri, ma anche bar, ristoranti e persino le chiese (e ora anche i cimiteri...) sono OFF LIMITS?

E la SOLIDARIETA' verso chi deve affrontare ogni giorno mille difficoltà, il RISPETTO nei confronti di chi – non per scelta – compie costantemente percorsi irti di ostacoli, dove sono finiti?

Questa volta, ci piace considerarci inviati di... Fabio e Mingo, che anche voi potete contattare (e-mail info@fabioemingo.com; sito web www.fabioemingo.com).

E voi, che cosa ne pensate? Scrivetelo nel Forum!
http://www.disabili.com/forum_it/display_topic_threads.asp?ForumID=2&TopicID=11611

 

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->