Menu

Tipografia

Non è certo stata una notizia natalizia quella lanciata dal Tg5 del 23 dicembre.
Raccontava anzi di una viltà, anche piuttosto meschina.
Nel clima festaiolo si sarà persa: e forse non è un male.
Se torniamo sulla cosa è per segnalare che qualcuno ha risposto, col bene, al male.

Ma veniamo ai fatti: siamo a Veroli, provincia di Frosinone. Qui ha sede un centro di terapia per giovani disabili, che propone anche attività di pet-therapy.
Peccato che martedì 18 dicembre, al mattino, i piccoli ospiti abbiano trovato l’asinello del centro, Gigetto, ucciso da un colpo di pistola alla tempia.
All’animale era inoltre stato tagliato un orecchio, prima di essere gettato in una scarpata.
Una gratuita bastardata, che ha però sollecitato la solidarietà di tante persone in Italia.
Nel giro di pochi giorni l'associazione ha ricevuto in dono molti animali per poter proseguire le attività di pet-therapy.
In totale (ma potrebbe mancare qualche animale) sono arrivati ben 12 asini, 4 porcellini d'India, oltre a pony e caprette.

Dal canto suo, l’associazione che gestisce il centro ha provveduto tempestivamente all’ampliamento della stalla e all’assunzione di un guardiano notturno che ora vigila sull'incolumità dei preziosi animali.

INFO:

Il sito del comune di Veroli

Sulla pet therapy vedi anche:
"PET THERAPY", UNA PROFESSIONE ACCESSIBILE

DARE UN NOME ALLE PROPRIE CAPACITA' LAVORATIVE


[Redazione]

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->