Menu

Tipografia

No alla convivenza, sì al matrimonio tra gay. I disabili italiani si dimostrano d'accordo con quanto afferma l'articolo 29 della Costituzione italiana ("La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio"). E' quanto si ricava dal sondaggio di Disabili.com, che con i suoi 180.000 navigatori mensili è il primo portale dei disabili italiani. Per il  60% degli interpellati, convivere non significa 'formare una famiglia': il matrimonio dunque è un'altra cosa, e dovrebbe essere un diritto anche di gay e di lesbiche.

Sul tema dei Pacs, i patti civili di solidarietà che tante polemiche hanno scatenato, i disabili osservano la questione da una nuova prospettiva, innalzando un vero inno al matrimonio, che andrebbe dunque esteso anche alle coppie omosessuali. 1 su 4 (il 24,4% dei votanti) si è infatti espresso a favore di queste unioni: "Se due si amano - si legge in uno dei tanti post lasciati nel forum del portale - devono stare insieme ed essere riconosciuti come famiglia, indipendentemente dal sesso!"

Un risultato che può essere letto come una difesa della diversità e per la tutela di chi già vive una condizione di svantaggio, e che dunque va in qualche modo 'garantito per legge'. Non a caso c'è chi giustifica la sua risposta in questo modo: "Il riconoscimento delle coppie di fatto - scrive un altro navigatore - aprirebbe una nuova era fondata sull'amore, sul rispetto reciproco e sulla tolleranza per le diversità".

Disabili poco reazionari? Pare che siano per lo più di mentalità piuttosto aperta: solo un risicato 4% rifiuta infatti l'idea di un'unione riconosciuta fra gay, sostenendo che "Il matrimonio è fatto da una donna e da un uomo: si possono poi trovare diversi modi di riconoscere eventuali diritti, ma non col matrimonio".


Link al sondaggio
Link al forum

Tieniti aggiornato. Iscriviti alla Newsletter!

Autorizzo al trattamento dei dati come da Privacy Policy

-->