Menù

Typografia

sagome di uomini colorati con linee che uniscono i loro cervelliGli stessi media generalisti spesso rappresentano la disabilità con stereotipi che poco hanno a che fare con la realtà

Quando si parla di disabilità , esclusione e barriere, spesso ci si dimentica che i primi ostacoli derivano da mentalità e atteggiamenti che di inclusivo hanno ben poco. Da qui l'importanza quindi di approntare percorsi di formazione che coinvolgano anche le giovani generazioni, per far sì che si riescano a plasmare dei veri "cervelli accessibili". Ed è proprio questo il tema di un percorso formativo realizzato da 37 ragazzi delle classi di grafica della Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia, dal titolo, appunto, "Il cervello accessibile".

Il percorso ha visto una vera e propria analisi della comunicazione che riguarda la disabilità , a partire dagli stereotipi che la vedono spesso distorta nella sua rappresentazione all'interno del "contenitore"  media. Il titolo stesso sta a rappresentare la potenzialità del nostro cervello come strumento che possa aiutare a leggere in modo critico la rappresentazione del mondo che ci viene resa, trasformare il pensiero in azione concreta e abituarci a leggere le diversità come ricchezze.

E di media e rappresentazione della disabilità si parlerà quindi al convegno conclusivo organizzato da CRIBA Emilia-Romagna che si svolgerà il 29 giugno prossimo al Centro Loris Malaguzzi di Reggio Emilia in cui si alterneranno alcune tra le maggiori voci del panorama della comunicazione, come Maria Grazia Fiore, docente e formatrice, Franco Bomprezzi, giornalista e scrittore, Claudio Arrigoni, giornalista del Corriere della Sera, Claudio Imprudente, Presidente dell'Associazione "Centro Documentazione Handicap" di Bologna, Michele Dotti, formatore, educatore e giornalista.

Nel corso dell'incontro  - sottotitolato in tempo reale dall'Associazione CulturAbile - si rifletterà sul ruolo fondamentale che la comunicazione (in quanto elemento che costruisce la realtà che ci circonda) riveste nel processo di inclusione o esclusione sociale. Il discorso prenderà in esame anche l'immagine della disabilità nella comunicazione generalista, nel corso di una tavola rotonda animata dal giornalista Rai Nelson Bova.

Dopo il convegno si procederà inoltre con l'inaugurazione della mostra dei 23 manifesti sulla comunicazione inclusiva che i ragazzi hanno realizzato all'interno del progetto, che sarà fruibile anche ai visitatori non vedenti grazie a descrizioni in Braille, e alla premiazione dei primi tre lavori vincitori.


PER INFO:

ilcervelloaccessibile.wordpress.com



IN DISABILI.COM:

DISABILITA' E TV: DAVVERO UN BINOMIO IMPOSSIBILE O SOLO UNA IGNORANZA DA COMBATTERE?
 
ABRUZZO A PASSO D'UOMO: IL PROGRAMMA TV SU TURISMO E DISABILITA'



Redazione



Approfondimenti

DISABILIFORUM - AMICI E INCONTRI

DISABILIFORUM - AMICI E INCONTRI

DISABILIFORUM - AMICI E INCONTRI Nel nostro forum molti sono gli argomenti di discussione e dibattito, e senz'altro l'a...

SPESA ON LINE

SPESA ON LINE

SPESA ON LINE Una dispensa piena, senza dover uscire di casa. Senza dover prendere l'auto, affrontare il caos del...