Menu

Tipografia

medico stetoscopioTroppe volte la Legge 38 non viene applicata

Quanti sono i centri italiani per il trattamento del dolore? Dove sono gli Hub (centri di riferimento per la terapia del dolore), come vi si accede? Queste e molte altre sono le domande che quotidianamente si pongono le quasi 15 milioni di persone che in Italia soffrono di dolore cronico.
Per questo motivo l'Associazione Vivere Senza Dolore ha dato vita a una campagna itinerante, chiamata "Hub2Hub" , patrocinata dal ministero della Salute. Si tratta di una campagna di sensibilizzazione e informazione sulle tematiche del dolore cronico e dell'accesso alla terapia antalgica, sancito dalla Legge 38 del 2010  ma ancora applicata in maniera poco omogenea sul territorio.

Saranno 15 gli ospedali coinvolti su tutto il territorio nazionale per due mesi. Il tour, dopo Cagliari, Garbagnate Milanese, Torino, Novara, Firenze (29 marzo), proseguirà per Pisa (3 aprile), Roma (12 aprile), Chieti (17 aprile), Bari (19 aprile), Taormina (24 aprile), Modena (3 maggio), Parma (8 maggio), Genova (11 maggio), Venezia (15 maggio), Udine (16 maggio).

Ogni ospedale coinvolto predisporrà un gazebo informativo per l’intera giornata, presso il quale gli utenti che accederanno alla struttura sanitaria saranno informati sulla presenza in loco di un centro di terapia del dolore e riceveranno materiale di approfondimento: una scheda sul dolore, una sulla Legge 38/2010 (che prevede l'accesso delle cure antalgiche anche per i pazienti pediatrici), un regolo per misurare ogni giorno l’intensità del dolore provato e un diario per annotarne le caratteristiche.

Verrà inoltre condotta un’indagine su tre livelli attraverso la distribuzione di tre tipologie di questionari. Il primo sarà dedicato ai cittadini che afferiscono alla struttura ospedaliera, per verificare la loro conoscenza della Legge 38 e della presenza dell'Hub in quel presidio. Un secondo questionario sarà dedicato ai pazienti ricoverati nella struttura, per rilevare se il loro dolore venga monitorato e trattato correttamente. Un terzo questionario sarà infine dedicato ai medici e alla loro preparazione in tema di terapia antalgica e di Legge 38.

L'Associazione ha condotto nel 2011 un'indagine denominata Cu.p.i.d.o (Cura e previeni il dolore), grazie alla quale è emerso che troppi cittadini non ricevono le giuste terapie: il 67% dei partecipanti all'indagine ha dichiarato di soffrire di dolore cronico ma solo il 51% ha dichiarato di essere seguito da un medico specialista. Sette pazienti su 10 hanno riscontrato difficoltà a individuare i centri di cura specializzati sul territorio e spesso gli stessi utenti di una struttura non sono a conoscenza della presenza di un Hub al suo interno.

€˜Sulla base di questi dati ‑¬â€˜ ha affermato Marta Gentili, Presidente di vivere senza dolore ‑¬â€˜ ci è sembrato opportuno verificare lo stato reale del trattamento del dolore negli ospedali italiani, con particolare riferimento a quelli che sono sede di un Hub, per comprendere quanto la presenza di un centro specializzato di terapia antalgica riesca ad influire sul monitoraggio e la cura del dolore all’interno della propria struttura. Vogliamo inoltre sondare quanto i pazienti che soffrono siano al corrente delle possibilità messe a loro disposizione dal Servizio Sanitario‑¬.

Per info:

Associazione Vivere senza dolore onlus

Per approfondire:

LINEE GUIDA SULLA TERAPIA DEL DOLORE

In Disabili.com:

CONTRO LE MALATTIE RARE NASCE L’ORGANISMO INTERNAZIONALE IRDIRC


Ilaria Vacca