Menu

Tipografia
urna-elettoraleLa maggior parte dei cittadini con disabilità intellettiva non sa di poter esprimere il proprio parere con il voto

A poco più di due settimane dal voto, in Italia la campagna elettorale infiamma. I politici si sperticano in promesse e dichiarazioni, ma a ben vedere forse non riescono a parlare proprio a tutti. Ci riferiamo a una fascia di elettori poco o per nulla considerati: quelli con disabilità intellettiva.

Come sapete, la legislazione italiana prevede alcune modalità specifiche di voto per persone in condizione di disabilità . C’è, ad esempio, la possibilità di votare da casa, per coloro i quali siano dipendenti da apparecchiature elettomedicali salvavita o intrasportabili. Per chi sia ricoverato in strutture residenziali, la legge invece prevede la possibilità di seggi speciali in loco, mentre per chi abbia gravi disabilità di tipo motorio agli arti superiori, o sensoriali, si parla di voto assistito, con una persona che può entrare nella cabina e aiutare l’elettore nell’espressione del voto.

Quello che si sa meno, invece, è che le persone con disabilità intellettiva (che in Europa rappresenta lo 0,1% della popolazione, contando circa 1 milione di persone), possono votare come tutte le altre. Questi sono elettori verso i quali i partiti e le istituzioni non dimostrano un particolare interesse, come spesso testimoniato dalla scarsa propensione al rendere fruibili i propri programmi, frequentemente di difficile comprensione anche da chi non abbia nessun problema. Ma, al di là di questo, un altro scoglio che impedisce a persone con disabilità intellettiva, ad esempio le persone con sindrome di Down, di votare, è la mancanza di informazione su questo loro diritto. Le famiglie spesse molto spesso non sono al corrente di questo diritto.

Da queste considerazioni nasce la campagna di sensibilizzazione sul tema del diritto di voto alle persone con disabilità intellettiva promossa da AIPD e la ASL Roma E.
€˜La maggioranza delle persone con disabilità intellettiva ‑¬â€˜ ha spiegato Anna Contardi, coordinatrice nazionale AIPD - non esercita il proprio diritto di voto per mancanza di informazione, consapevolezza ed educazione al voto delle stesse persone con disabilità intellettiva, scarsa consapevolezza dei loro familiari, amici e operatori di riferimento dei loro stessi diritti di capacità . Mancano inoltre ‑¬â€˜ ha concluso ‑¬â€˜ interventi per facilitare l’esercizio del diritto di voto da parte delle pubbliche istituzioni‑¬.

voto disabil downPietro Barbieri, presidente FISH e neo portavoce del Forum Terzo Settore nel suo intervento durante la presentazione dell’iniziativa, ha sottolineato: â‚¬ËœÈ necessario cambiare modello sull'idea delle persone in condizioni di marginalità : la disabilità non è una malattia, se non si esce da questo equivoco e non si considera una condizione ordinaria della vita, si continuerà a vivere nel pregiudizio. In questo contesto porre l'attenzione sulla questione del diritto di voto alle persone con disabilità intellettiva non è esattamente una questione superficiale ‑¬â€˜ ha continuato - paradossalmente di questo tema non ci si occupa molto, pare scontato o inutile invece deve essere una questione centrale. Se non ci credono per primi le istituzioni e gli operatori difficilmente potremo avere delle guide che portano e orientano le persone a esercitare il proprio diritto pieno di cittadinanza. Non esiste una qualità di diritto di voto altrimenti mettiamo in dubbio la democrazia. Questa iniziativa da un passo solido e chiaro in questo senso. Chiederemo con forza che questo sia rispettato‑¬.

Giovanni Grillo, elettore con sindrome di Down spiega perché non è giusto impedire il voto a persone con sindrome di Down: €˜Siamo diversi per via degli occhi e per avere più difficoltà ad imparare cose nuove, però possiamo esprimere la nostra opinione ed imparare come si vota‑¬. Gli ha fatto eco Mauro Ursella: €˜Anche se siamo persone con la sindrome di Down siamo lo stesso dei cittadini con tanto di diritto di recarsi alle urne quando ci sono le elezioni. Penso che ognuno debba avere il diritto di votare e di esprimere l’opinione personale dando la propria preferenza‑¬.

Far conoscere le istituzioni del proprio Paese, contribuire a sentirsi parte della comunità , e ad assumere pienamente la responsabilità del diritto-dovere del voto, sono passi per la legittimazione delle persone con disabilità intellettiva, ad essere a tutti gli effetti cittadini italiani. 

PER INFO:
www.myopinionmyvote.eu

IN DISABILI.COM:
Speciale ELEZIONI 2013 ‑¬â€˜ voto disabili


Redazione