Menu

Tipografia

homecare premium: locandinaIn un deserto di tagli spunta un'iniziativa che sembra una rosa…con qualche spina. Ne vediamo i punti deboli

E' di questi giorni la pubblicazione da parte dell'INPS, all' interno delle c.d Iniziative Welfare, del nuovo bando Home Care Premium,  la cui scadenza è fissata per il 27 febbraio prossimo.

Questo progetto, rivolto esclusivamente  ai dipendenti e pensionati pubblici in condizione di non autosufficienza, nonché ai loro coniugi conviventi e familiari di primo grado che versino nella medesima condizione, vuole valorizzare l'assistenza domiciliare intesa in senso ampio, attraverso un fattivo supporto economico.

Si  tratta infatti di un contributo monetario erogato su base mensile, dal  1 marzo  al 30 novembre 2015,  atto ad agevolare la cura a domicilio del  beneficiario. L'importo varierà  da soggetto a soggetto, poiché parametrato sui dati della dichiarazione DSU / ISEE presentata in sede  di domanda.
La novità più importante rispetto ad iniziative precedenti, riguarda  l'estensione della platea  di coloro che possono accedere al progetto. Vengono ora incluse anche quelle persone  che non potendo essere adeguatamente supportate presso la loro abitazione, si trovino ospitate presso strutture residenziali.

Vi è poi  un secondo aspetto con caratteri innovativi , ma ahimè, al momento, non  altrettanto positivi: l'ISEE. Senza addentrarsi in questa sede in analisi approfondite e rilievi critici, è bene sapere che viste le difficoltà  segnalate all'Ente Previdenziale nell'applicazione della nuova disciplina in materia, e conseguentemente  nell'ottenimento del nuovo ISEE socio - sanitario,  è stato reso noto tramite avviso pubblicato sul sito istituzionale  che sarà possibile presentare semplicemente il nuovo ISEE ordinario, senza che ciò comporti irricevibilità o esclusione della richiesta di contributo.
Restano fermi  invece tutti gli altri requisiti,  a cominciare dalla modalità  di inoltro, il quale potrà avvenire esclusivamente per via telematica, attraverso la piattaforma presente sul sito web dell' Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, utilizzando le credenziali facilmente richiedibili al medesimo.

In chiusura, pur sottolineando nuovamente la validità di questa iniziativa, preme evidenziare quelle che si ritengono due pecche di non poco conto. Innanzitutto il fatto che  questa opportunità riguardi solamente i dipendenti pubblici e loro congiunti. Pur sapendo che l'erogazione di prestazioni sociali in favore dei dipendenti,dei pensionati pubblici e dei loro familiari, rientra tra  gli scopi istituzionali dell' Ente Previdenziale (D.M. 463/98) e che i fondi dell'HCP sono costituiti in larga parte dai contributi previdenziali  ex Inpdad dei lavoratori pubblici, la scelta  di escludere in toto gli appartenenti settore privato appare difficilmente comprensibile, soprattutto in un periodo di feroce crisi economica come quello che stiamo attraversando.
La disabilità è difficile da sostenere in egual misura, non fa distinzioni tra pubblico e  privato; il rischio di avere cittadini di serie A e di serie B è davvero forte.

Di una categoria inferiore sembrano altresì essere, in questo frangente, i lavoratori pubblici il cui contratto non sia a tempo indeterminato  (si pensi ad esempio al settore della scuola). I precari infatti sono esclusi ab initio, non possono presentare domanda per accedere ad Home Care Premium nemmeno pro quota per i mesi in cui prestano servizio.
Pensando a quanto diffuso sia, in Italia, il fenomeno del precariato e quanto ogni intervento di sostegno sia importante soprattutto in  presenza di soggetti definiti tecnicamente deboli, l'esclusione di cui sopra risulta a dir poco contraddittoria.
Si spera che chi di competenza possa e voglia, in un futuro, non troppo lontano, porre rimedio.


Per info:

http://www.inps.it


In disabili.com:

Tar Lazio: illegittimo inserire invalidita' e accompagnamento nel calcolo reddito per ISEE

Invalidità, visite di revisione e semplificazioni: la Circolare INPS

Dott.ssa Agnese Villa Boccalari