Menu

Tipografia

papa francesco e neonatoNell’ambito della tre giorni di approfondimento, un momento di incontro tra il Santo Padre e  persone con disturbi dello spettro autistico, familiari, accompagnatori, operatori

Dal 20 al 22 novembre a Città del Vaticano si terrà la Conferenza internazionale del pontificio consiglio per gli Operatori Sanitari. Il tema scelto per la 29esima edizione della manifestazione sarà "La persona con disturbi dello spettro autistico: animare la speranza". Tre giornate che inizieranno alle 7.30 del giovedì, alternando momenti di riflessione cristiana ad approfondimenti scientifici.  Attraverso il contributo di numerosi esperti tra cui scienziati, ricercatori e specialisti dello spettro autistico  si creerà un confronto a 360 gradi riguardo la malattia da un punto di vista medico, psicologico, familiare, sociale, pastorale e religioso.

"La nostra conferenza internazionale” spiega ai microfoni di Radio vaticana mons. Zygmunt Zimowski, presidente del dicastero vaticano – “è stata organizzata per poter sempre meglio affrontare le sfide poste dall'autismo alla Pastorale della Salute così come alla scienza, alla medicina, alle famiglie, alle strutture educative ed assistenziali e, più in generale, alla società ed ai governi. Sarà questa la prima volta che la complessa realtà sociosanitaria dell'autismo sarà accolta dal Santo Padre in questa sua dimensione internazionale".
Un’occasione importante che non coinvolge solo la Chiesa ma vuole essere aperta alla comunità scientifica sollecitando anche tutte le istituzioni: le famiglie, le scuole e le Associazioni, ad approfondire questa tematica sempre più attuale.

Al riguardo, anche nel Messaggio del Pontificio Consiglio, pubblicato in occasione della Giornata Mondiale sull’Autismo  lo scorso 2 Aprile, annunciando la celebrazione di questo Convegno, scrisse: “La complessità che la sindrome dello spettro autistico presenta alla comunità scientifica, alle famiglie, alle istituzioni formative e di inserimento sociale potrà in quella sede, con l’intervento di ricercatori, esperti ed operatori sanitari di tutto il mondo, trovare un momento di confronto e di impegno”.

Come afferma Papa Francesco nella sua recente Esortazione apostolica Evangelii gaudium, «è indispensabile prestare attenzione per essere vicini a nuove forme di povertà e di fragilità in cui siamo chiamati a riconoscere Cristo sofferente, anche se questo apparentemente non ci porta vantaggi tangibili e immediati» (n. 210).

Nella mattinata di sabato 22 i partecipanti alla Conferenza si ritroveranno, infine, con le persone affette da disturbi dello spettro autistico ed i loro familiari, gli accompagnatori, gli operatori sanitari, i sacerdoti, i religiosi e le religiose nonché i volontari nell’Aula Paolo VI per un Incontro di testimonianza e preghiera con il Santo Padre, insieme ad un momento musicale. Al convegno parteciperanno artisti come i Tazenda, Arisa, il maestro Giuseppe Barbera e il maestro Giulio Rapetti-Mogol.  
Ci sarà inoltre la testimonianza  di un pittore autistico di Taiwan, affermato a livello internazionale, che esporrà le sue opere per dire ancora una volta che la malattia non deve essere un limite!

Per info:

Per saperne di più

Per chiunque volesse partecipare


In disabili.com:

Al Convegno internazionale Autismi proposte per la scuola, i servizi e le famiglie

Autismo, tra cause ambientali e genetiche si tenta di scoprirne le tracce in gravidanza

Redazione