Menu

banner exposanita

 
 
 
 
 

Tipografia
logo aismNel progetto dell'AISM l'obiettivo di stare vicino alle famiglie dei malati di sclerosi multipla

All'Associazione Italiana Sclerosi Multipla è andata la "menzione speciale" per il Progetto Famiglia AISM nell'ambito del Premio Amico della Famiglia 2009. La targa è stata consegnata nelle scorse settimane a Roma alla Cerimonia Ufficiale di Premiazione dal sottosegretario on. Giovanardi a Maria Teresa Paciotti, vicepresidente AISM. Il Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento delle Politiche della Famiglia -  è finalizzato alla diffusione e valorizzazione delle iniziative di particolare significato promosse in materia di politiche familiari.

Il progetto famiglia AISM  nasce nel 2007 grazie anche al sostegno del Gruppo  Bancario Cariparma Friuladria con l'intento di rispondere alle esigenze delle famiglie che devono affrontare e gestire una diagnosi di sclerosi multipla, con particolare attenzione ai figli piccoli o adolescenti. L'obiettivo del progetto è quello di affiancare e supportare ogni membro della famiglia con strumenti e servizi utili a rispondere al meglio alle problematiche specifiche connesse a una delle malattie più gravi del sistema nervoso centrale, cronaca, imprevedibile e invalidante.

"Siamo onorati di ricevere questo premio - ha dichiarato Antonella Moretti, direttore Operativo di AISM - Per la realizzazione delle diverse attività del Progetto fondamentale è stato il contributo del Gruppo bancario Cariparma e Friuladria. Lo scopo è quello di informare e affrontare le problematiche connesse alla malattia anche a livello sociale rispondendo in modo concreto ai bisogni complessi di una famiglia che convive quotidianamente con la sclerosi multipla".

La Sm è una malattia complessa che interessa non solo la persona che ne è colpita ma anche chi le sta vicino. Tocca tutti gli aspetti della vita quotidiana, dalla sfera emotiva agli aspetti pratici. Sostenere le sfide che la malattia comporta è spesso impegnativo soprattutto per i giovani e le donne i più colpiti dalla SM nel pieno della loro vita.

Tante le attività e i servizi del Progetto Famiglia AISM. Realizzazione e distribuzione presso le sedi AISM sul territorio di pubblicazioni  specifiche per i diversi componenti della famiglia scaricabili anche dal sito aism.it. Corsi di formazione per gli organizzatori dei gruppi di auto-aiuto. Incontri sul territorio con le famiglie per raccontare le proprie esperienza e focus group con i genitori di giovani sotto i 35 anni. Una minivacanza informativa di quattro giorni a Lucignano presso la Casa Vacanze AISM i Girasoli, dove le persone possono confrontarsi con esperti specializzati sui diversi aspetti della malattia come il neurologo, lo psicologo, l'assistente sociale, il consulente legale, e il fisioterapista e momenti informativi per i figli sotto i 18 anni sempre con il neurologo e lo psicologo oltre a giochi e intrattenimenti con animatori per i più piccini. Sempre a Lucignano si svolgono week end per esaminare insieme ad uno psicologo le dinamiche interne alla coppia che convive con la SM.

Tutte le attività sono studiate in base alle diverse fasce di età di membri della famiglia e sviluppate con il coinvolgimento diretto delle persone con SM e dei loro familiari che diventano protagonisti attivi delle iniziative a loro dedicate.



INFO:

http://www.aism.it


IN DISABILI.COM:

GIORNATA NAZIONALE DELL'AISM 2010


MALATTIE MATABOLICHE: PER AISMME NON C'È PIÙ TEMPO



Redazione