Menu

Tipografia

Attiva la prima piattaforma online gratuita per valutare le abilità comunicative e di lettura di bambini, ragazzi e adulti e capire se si è in presenza di segnali di dislessia

Mio figlio fa fatica a leggere: è dislessico? Per i genitori di bambini che dimostrano difficoltà nella lettura può essere complicato capire quando si tratti di un po’ di pigrizia, e quando invece ci sia una reale difficoltà, quindi comprendere se si tratti di un disturbo specifico dell’apprendimento, come la dislessia, nello specifico.
Può risultare quindi utile uno strumento online, liberamente utilizzabile e di certificata serietà, che affianchi i genitori in una prima fase per comprendere se sia necessario il ricorso a specialisti del settore - che, lo ricordiamo, sono comunque non sostituibili nella diagnosi.  

STRUMENTO ONLINE GRATUITO  DI SCREENING - Lo strumento in questione è “Dislessia on line”: la prima piattaforma online in Italia per lo screening digitale gratuito che permette di valutare le abilità comunicative e di lettura di bambini, ragazzi e adulti e orientare le famiglie verso le 5.000 scuole certificate “Amiche della Dislessia”. Lo screening online gratuito delle difficoltà di lettura dei ragazzi si rivolge a famiglie ma anche docenti, studenti e pediatri

FRUTTO DI SPECIALISTI - La piattaforma è stata inaugurata ieri, primo giorno della Settimana Europea dedicata alla Dislessia ed è frutto di una partnership tra Fondazione TIM, Associazione Italiana Dislessia, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Istituto Superiore di Sanità e Istituto di Scienze Applicate & Sistemi Intelligenti del Consiglio Nazionale delle Ricerche (ISASI-CNR) di Messina in collaborazione con il Ministero della Salute e il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca che ne hanno monitorato la validità e gli effetti.

TRE FUNZIONALITA’ IN UN UNICO PORTALE - Il portale è unico, raggiungibile a questo indirizzo, e comprende tre funzionalità:
- Dislessia online: il progetto promosso dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù per la valutazione a distanza e il recupero on-line delle difficoltà di lettura di bambini dai 7 anni, ragazzi e adulti;
- Smart@pp: una piattaforma di screening per l’analisi del rischio di disagi della comunicazione nei primi 3 anni di vita, sviluppata dall’Istituto Superiore di Sanità;
- “Dislessia Amica”: percorso di formazione e-learning per i docenti realizzato da AID - Associazione Italiana Dislessia. La certificazione è stata rilasciata a 5.000 istituti - dalla primaria fino alla secondaria di II grado - che rappresentano oltre il 60% di tutte le scuole statali italiane.
 
COME FUNZIONA LO SCREENING ONLINE DISLESSIA - A progettare e studiare la piattaforma Dislessia on line è stato un team di specialisti di Neuropsichiatria Infantile dell'Ospedale Bambino Gesù, per realizzate uno strumento in grado di intercettare i segnali di difficoltà nella lettura nei bambini, ragazzi e adulti. Per capire se esistono reali segnali di dislessia, bambini a partire dai 7 anni di età, ragazzi e adulti potranno collegarsi da pc o tablet al link dislessiaonline.isasi.it e, dopo la fase di registrazione, eseguire l’esercizio di lettura proposto dal sistema.
Il sistema elaboreà quindi i dati relativi al soggetto (non solo l’esercizio, ma anche l’età  egli anni di scolarità) e valuterà per ciascuno la fascia di appartenenza: il partecipante può quindi ottenere tre diversi risultati:
a) se non ci sono errori significativi, il percorso si considera concluso
b) se il sistema lo considera un profilo a rischio, sarà indirizzato a strutture competenti per una valutazione specialistica
c) se vengono riscontrate solo lievi difficoltà di lettura, la piattaforma proporrà un percorso di recupero, con 40 sessioni di esercizi della durata di 20 minuti da svolgere nell’arco di 2 mesi, al termine del quale è previsto un test finale di verifica. In base all’esito, il percorso termina, oppure viene consigliata una valutazione specialistica.


Potrebbe interessarti anche:

Dislessia: cos’è, come si riconosce, cosa fare. Le 10 cose da sapere sui DSA

Aiuto, mio figlio è dislessico. Cosa fare, quando e come intervenire in caso di DSA

Sono dislessico, e avrò successo!


Redazione